Amelia, si rompe la caldaia: Salta lo spettacolo di Ascanio Celestini

AMELIA – Troppo freddo, lo spettacolo di Ascanio Celestini salta. Il terzo appuntamento con la stagione di prosa al Teatro Sociale ha avuto un epilogo clamoroso. Il noto attore ha infatti deciso di non fare lo spettacolo perché era troppo freddo. Il problema è stato della caldaia che si è improvvisamente rotta facendo abbassare la temperatura.  La scelta di Celestini è stata comunque condivisa dalla direzione del Teatro che sottolinea in una nota come questo fosse previsto nel contratto.

Il direttore del Teatro Sociale, Riccardo Romagnoli ha diffuso un comunicato in cui spiega cosa è successo. Eccolo: “Nel primo pomeriggio di mercoledì 14 la Società Teatrale  è stata posta a conoscenza dai suoi collaboratori che la caldaia che alimenta il riscaldamento del Teatro si era improvvisamente rotta: il tecnico di fiducia, prontamente avvertito, ha rilevato la necessità della sostituzione di un elemento non immediatamente disponibile, con conseguente impossibilità di una riparazione prima dell’inizio dello spettacolo di prosa programmato per le 20.30 dello stesso giorno.

A fronte della situazione creatasi, si è valutato se lo spettacolo potesse ugualmente avere luogo anche in assenza di riscaldamento. In presenza di una giornata particolarmente soleggiata, considerata la temperatura particolarmente mite (alle ore 15 ad Amelia si rilevavano 15° centigradi, come registrati per questa città dalla Stazione Meteorologica di Viterbo: cfr. Archivio Meteo Amelia in www.ilmeteo.it), si riteneva che lo spettacolo potesse essere rappresentato, sia pure con l’evidente disagio dovuto alla mancanza di riscaldamento. Tale appariva anche il divisamento della Compagnia, che, ultimato il montaggio delle scene e delle luci, iniziava le prove dello spettacolo, con la partecipazione dell’attore sig. Celestini, nel frattempo sopraggiunto ed informato della situazione.

Senonché verso sera la temperatura, anche a causa di un improvviso forte vento di tramontana, si abbassava bruscamente. Il nostro personale di palcoscenico, che aveva già provveduto a posizionare stufette portatili nei camerini, suggeriva  al sig. Celestini  (che avrebbe dovuto esibirsi in un monologo con l’accompagnamento di un musicista) la possibilità di collocare accanto ai due artisti due stufe portatili, per alleviare la percezione del freddo, ma la soluzione veniva scartata dall’attore, che manifestava  il suo intento di non procedere alla rappresentazione a causa della temperatura troppo rigida.

Tale decisione veniva chiarita dal sig. Celestini anche telefonicamente al Presidente della Società Teatrale (che trovavasi fuori sede) e spiegata con la ritenuta impossibilità di recitare in condizioni climatiche oggettivamente avverse.

Al Presidente non restava pertanto che prendere atto della legittimità di tale posizione (del resto  era contrattualmente previsto che  lo spettacolo avesse luogo in un ambiente sufficientemente riscaldato) e della conseguente necessità  – subita con grande rammarico, stante la presenza di un folto pubblico, cui non c’era stato modo di dare alcun preavviso –  di annullare la rappresentazione.

I biglietti pagati al botteghino sono stati immediatamente rimborsati. Quelli prenotati a mezzo di prevendita  al Servizio Informazioni Turistiche  del Comune (IAT) verranno rimborsati presso detto Ufficio. Quelli prenotati telematicamente saranno rimborsati a cura del Teatro Stabile dell’Umbria. I titolari di abbonamento saranno tempestivamente informati del modo con cui verrà recuperato lo spettacolo.

La Società Teatrale si scusa con gli spettatori , nonché con i Coorganizzatori dell’evento (Comune di Amelia e Teatro Stabile dell’Umbria), dello spiacevole inconveniente, verificatosi in modo del tutto eccezionale ed imprevedibile, del quale peraltro si assume ogni responsabilità legalmente fondata in ordine ad eventuali richieste da parte della Compagnia.

La caldaia in questione era stata recentemente sottoposta a completa revisione ed era perfettamente funzionante fino all’ultimo spettacolo di prosa, tenutosi nel febbraio scorso, nonché nel corso di una prova di riscaldamento effettuata nei primi giorni del corrente mese.  Le operazioni di riparazione avranno luogo nei prossimi giorni.

Pin It on Pinterest