Narni, nuovo Suffragio, mega progetto da 10 milioni, Mercuri: “I privati scommettano sul futuro”

NARNI – Sul tavolone da lavoro di uno degli uffici progettazione del Comune ci sono i fogli tecnici e qualche rendering sparsi in modo da far vedere, e soprattutto capire, nel miglior modo possibile quale sia il progetto. L’assessore, che è anche vice sindaco, li guarda mentre parla e spiega di cosa si tratta. Il progetto non è nuovo, è legato alla riconversione dell’area del Suffragio e alla realizzazione della strada dei Bastioni. Di nuovo però c’è il clima, cambiato rispetto al recente passato, quando la crisi costrinse il Comune a prendere tutti quei fogli e a metterli nel cassetto in attesa di tempi migliori. Quei tempi, secondo Marco Mercuri, il vice sindaco appunto, potrebbero essere finalmente arrivati. Ecco allora che arriva il momento giusto per riparlare del progetto di ampliamento del parcheggio, di potenziamento della viabilità e di riqualificazione commerciale.

Un progetto ambizioso, ma perché tirarlo fuori ora? Mercuri: “Il perché è presto detto. Ce ne sono le condizioni, pensiamo agli investimenti che stanno arrivando sul territorio”. Qualcuno in particolare? Mercuri: “Beh, ce ne sono di molto importanti. Quelli annunciati da Alcantara, quelli che faranno a breve ripartire la ex Sgl Carbon e quelli che porterà il parco divertimenti di Leolandia. Sono tutti parte di una bella scommessa”.

E Come si lega il Suffragio a tutto questo? Mercuri: “Si lega in modo stretto. Anche questo progetto sarà infatti un investimento privato, come gli altri, saranno gli investitori a dover cogliere le opportunità che offre il pubblico, perché, alla fin fine, il nostro compito è questo, non è che possiamo fare gli imprenditori”. Ma cosa ci verrà al Suffragio? Mercuri: “Ci verrà un’area commerciale anche per insediamenti di medie dimensioni, servita da una nuova strada, quella dei Bastioni, che ne faciliterà l’utilizzo anche perché il parcheggio verrà ampliato e sarà di circa 500 posti. Questo risolverà gli attuali problemi di spazi e offrirà la possibilità di arrivare con l’auto nella zona commerciale.

Tutto ciò ha un obiettivo, che è quello di rilanciare il centro storico con servizi moderni legati anche al turismo”. Perché tira in ballo anche il turismo? Mercuri: “Semplice, a Narni ci sono pochi posti letto e poche strutture, mentre i turisti continuano ad aumentare. Con Leolandia arriveranno molte più persone che dovranno dormire sul territorio comunale, attratti dal parco divertimenti ma anche, se saremo bravi, dalle bellezze della città e dei suoi dintorni. C’è motivo per rimanere più giorni a Narni ma chi vorrà dovrà avere la possibilità di farlo”. Un progetto ambizioso insomma. Mercuri: “Sì ma con la testa, senza sperperare denaro pubblico e pensando alla città di domani.

Faccio un esempio: La strada dei Bastioni servirà anche in futuro per realizzare un percorso che costeggi le mura antiche e che permetta anche di ripensare traffico e mobilità nel centro storico”. Siete convinti quindi che l’area del Suffragio sia l’investimento del futuro che il domani, per dirlo con uno slogan, passi da lì. Mercuri: “Senza essere enfatici, penso che questo progetto ne contenga le potenzialità. Noi faremo un bando dopo l’estate che mette a disposizione una superficie di 2mila metri quadrati e prevede investimenti di 7-8 milioni di euro, ai quali vanno aggiunti i due milioni per fare la nuova strada, la quale avrà anche piazzole di sosta e parcheggi lungo il tragitto che saranno gratuiti. E’ l’intervento post crisi più importante degli ultimi anni. Noi ci crediamo”.

Pin It on Pinterest