Lugnano in Teverina, grandi manovre per il recupero di chiese e conventi

LUGNANO IN TEVERINA – Il restyling del patrimonio religioso è stato al centro delle discussioni fra amministrazione e vescovo mons. Giuseppe Piemontese nel corso della visita pastorale recentemente conclusasi a Lugnano in Teverina. Il Comune, rendono noto il sindaco, Gianluca Filiberti, e il consigliere delegato alla cultura, Alessandro Dimiziani, hanno sottolineato alcune priorità di intervento per recuperare e riqualificare i beni storico-religiosi ed artistici del territorio.

Fra questi la chiesa di Santa Chiara, che è in via di definitivo restauro, ed altri monumenti da tenere in considerazione come la chiesa del Rosario e quella dell’Angelo. Anche la situazione del convento dei cappuccini è stata messa sul tavolo e anche per questo bene, secondo l’amministrazione, si prospetta un futuro più roseo dopo anni di abbandono. “Ci sono varie soluzioni allo studio – puntualizzano Filiberti e Dimiziani – per far ripartire il complesso e di questo non possiamo che esserne felici”.

Sempre sindaco e consigliere esprimono grande soddisfazione per la visita del vescovo a circa vent’anni dall’ultima effettuata dall’allora vescovo Franco Gualdrini. “Sono stati tre giorni – dicono – dove il vescovo ha toccato con mano la vita del nostro borgo incontrando tutti, dai cittadini alle associazioni fino all’amministrazione comunale. Una persona che si è calata tra la gente ascoltando tutti i problemi e le speranze dei Lugnanesi.

Anche l’amministrazione comunale ha voluto mettere a frutto questa importante visita illustrando al vescovo la situazione socio-economica del paese e i progetti realizzati e da realizzare. Il vescovo – concludono sindaco e assessore – si è anche dichiarato disponibile a sostenere  la proposta dei Comuni della Maratona dell’olio di donare l’ulivo della collezione mondiale a Papa Francesco con una visita diretta in Vaticano”.

 

Pin It on Pinterest