Narni, Mezzo secolo di Medioevo: Al via oggi Corsa all’Anello

NARNI – Ci siamo, inizia oggi la cinquantesima edizione della Corsa all’Anello. E’ tutto pronto, la macchina è un po’ come la vettura di F1, sta scaldando il motore in attesa del segnale verde che verrà dato dal banditore alle 18. Annuncerà, leggendo la storica e tradizionale pergamena contenete l’editto con il quale nel medioevo si dava il via ai festeggiamenti per il patrono San Giovenale. La Corsa all’Anello, finalmente, celebra il tanto sospirato traguardo delle 50 edizioni, lo fa cercando di mettere in luce la sua tradizione, fatta di volontariato e di un palinsesto che dura dal 1969.

Per i turisti c’è un po’ tutto da vedere, da assaporare, da gustare. C’è il centro storico imbandierato a festa con i colori dei tre terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria, ci sono le ricostruzioni medievali della Narni del ‘300, ci sono gli spettacoli, le taverne dove mangiare la cucina tipica narnese e ci sono i grandi appuntamenti: l’Offerta dei Ceri in cattedrale il 2 maggio, la festa del patrono, San Giovenale, il 3 con i riti religiosi, quelli civili e la ricostruzione della corsa all’anello che si svolgeva in Platea Major, l’attuale Piazza dei Priori.

C’è il grande corteo storico di sabato 12 maggio, quando di notte, fra le vie del centro sfilano 500 costumanti rievocano la processione per il santo patrono e c’è, ovviamente la corsa al campo di San Girolamo, il momento più sentito emotivamente da tutta la città che si riversa allo stadio per vedere sfidarsi i fantini dei tre terzieri. Dall’anno scorso la corsa vive anche della Rivincita, la seconda gara, che si svolge a metà giugno e che riassegna un nuovo “anello d’argento” al vincitore.

Qui la disputa è ancora aperta. Il bando tradizionale parla per chi vince la corsa moderna del diritto di vantarne gloria per tutto l’anno, ma in realtà con la seconda edizione di giugno può succedere, come in effetti è già successo con Santa Maria, che il vanto duri si e no una mesata. Gli arancioviola nel 2017 vinsero la gara tradizionale e persero la Rivincita che se la aggiudicò Fraporta.

Sarà un’edizione speciale per tutti, anche per chi dovrà curare la sicurezza perché le ferree norme sancite dopo i fatti di Torino hanno cambiato il modo di gestirla. Ora è molto più rigido e chiama forze dell’ordine, Comune, ente Corsa e terzieri ad uno sforzo enorme cercando di conciliare le esigenze moderne con un centro storico medievale. Ma la legge è legge e va applicata e rispettata. Si parte dunque domani e si va avanti fino al 13 maggio.

Il programma di domani – Alle 16 si terrà in Cattedrale “San Giovenale e la sua città. Memoria, identità e futuro”, tavola rotonda a cura della Parrocchia SS.Giovenale e Cassio. Alle 17 in via Valeriani ci sarà l’inaugurazione della mostra “Artigiani in centro” a cura dell’associazione “In Tessere”. L’evento sarà aperto dal concerto medievale organizzato da “Il Concertino”. Alle 19 nelle sale al piano terra di Palazzo dei Priori sarò la volta dell’inaugurazione  della mostra mercato di artigianato artistico “Come una volta II”, a cura  della associazione  I Semi del Sapere. Alla stessa ora nella sala ex- refettorio verrà inaugurata “La forma dell’infinito”, mostra di Giampiero Malgioglio. Alle 21 la chiesa di San Francesco farà da cornice a “Dal Medioevo a Noi”, concerto di musica medievale dei Narnia Cantores, diretto dal Maestro Simone Sorini.

Alle 22 in piazza dei Priori                                                                                                                la Compagnia Milites Gattamelata del Terziere Mezule presenterà  “Liberari Fratem Meum- Liberate mio fratello”. Cavalieri, fanti ed arcieri in uno spettacolo di guerra e combattimenti a singolar tenzone, accompagnato dai ritmi suggestivi dei musici. Nella Narni del 1300 Ugolino orsini e suo fratello Tommaso furono protagonisti di una storia realmente accaduta con al centro la Rocca dell’Albornoz di Narni. Lo spettacolo a tema storico medievale è in collaborazione con i Guardiani del Cervo e Le Lame dell’Albornoz .

Il programma del 25 aprile – Mercoledì 25 aprile dalla mattina alla sera nella Loggia dei Priori verrà allestito il tradizionale “Mercato medievale”. Sempre a partire dalla mattina in piazza dei Priori e nell’ atrio del palazzo comunale ci sarà l’ allestimento statico e la didattica con i rapaci, seguito alle 15 dallo spettacolo di falconeria a cura dei “Falconeri  del Re”. Alle 17.30 all’Auditorium Mauro Bortolotti , si terrà l’ inaugurazione della mostra “Tracce 2018 – XIII Edizione. Medioevo oggi”. Alle 18 al museo Eroli ci sarà l’inaugurazione  della mostra degli abiti di scena “Museo in Fabula”  a cura de “La Compagnia de lo Grifone” in collaborazione con Sistema Museo. Alle 22 in piazza dei Priori ci sarà “Duo coloribus solis immortalia illa opera fecere”, spettacolo del gruppo danza La Pazzia del Ballo del terziere Fraporta.

Pin It on Pinterest