Narni, i giovani se ne vanno e il Comune li cerca per raccontare le loro storie

NARNI – Se l’iniziativa avrà successo, saranno moltissimi i racconti e le testimonianze che arriveranno in Comune. I giovani che se ne sono andati da Narni infatti ormai non si contano più, tanti sono quelli che per motivi famigliari, per scelta di vita o per lavoro hanno lasciato la città, come cronche24 aveva documentato nel recente passato con “la Valigia dei sogni”, una rubrica che ha raccontato le storie dei narnesi che a Narni non ci sono più.

Più o meno la stessa cosa ha deciso di fare adesso il Comune. Dal Consiglio comunale è partita infatti l’iniziativa “Narni, una finestra sul mondo” con la quale si chiederà ai giovani e meno giovani che hanno lasciato la città per motivi professionali, di studio o di vita, di raccontarsi e raccontare Narni dal loro punto di vista. Le storie raccolte verranno poi riportate agli studenti delle  scuole per farle diventare, secondo il Consiglio, patrimonio comune.

Il progetto è stato annunciato nel corso della seduta dell’assemblea elettiva di Palazzo del Podestà in occasione della quale è stato ricevuto Roberto Agostini, lo chef che con il suo “BikerChefProject” girerà in moto il sud America. Il sindaco e il presidente del Consiglio hanno affermato che il giovane professionista porterà se stesso, le sue competenze, la sua professionalità e la città in un continente nuovo e lontano che potrà così fare conoscenza con la realtà locale attraverso Agostini.

Lo scopo di “Narni, una finestra sul mondo”, secondo il Consiglio, è dare la possibilità di raccontare le storie e le esperienze per stimolare i più giovani allo studio e all’impegno attraverso esempi come quelli di Roberto Agostini e di tanti altri giovani che hanno scelto di vivere in altre realtà. Benissimo, ma forse, oltre a dare la “caccia” a chi non c’è più bisognerà pure un giorno fare qualcosa perché questa emorragia finisca.

Pin It on Pinterest