Narni, la farmacia torna comunale: Entro dicembre la decisione sul suo destino

NARNI – La farmacia di Piazza Cavour ridiventa pubblica, almeno fino a fine anno. Durerà infatti fino al 31 dicembre la gestione diretta da parte del Comune, dopo il voto unanime del Consiglio comunale che. La decisione è stata assunta dopo aver preso atto della sentenza del Tar e dell’esito non positivo del nuovo bando ed è conseguenza della necessità di garantire il servizio ai cittadini. L’amministrazione si è presa tempo fino a fine dicembre per cercare di individuare una soluzione definitiva che dal 2019 possa garantire l’efficienza e soprattutto la produttività della farmacia che, non è un mistero, ha bilanci che stanno spesso sull’otto volante.

Il sindaco, Francesco de Rebotti ha spiegato al Consiglio che sono cinque le strade che si possono percorrere. Sul tavolo – ha detto – abbiamo diverse ipotesi. Dal mantenimento della farmacia direttamente al Comune al passaggio alla municipalizzata Aspem (ex Asit, ndr), oppure ancora l’affidamento ad un’azienda specializzata o infine la vendita o una nuova gestione privata. Su queste possibilità – ha spiegato il sindaco -giunta e Consiglio discuteranno per arrivare ad una soluzione che sia soprattutto vantaggiosa per i cittadini. La riassunzione della gestione diretta – ha detto infine De Rebotti – consente di garantire continuità alle prestazioni di un servizio molto importante per la comunità.

Entro la fine dell’anno dovremmo decidere sul futuro della gestione”. Divise sul destino finale le forze politiche, anche se l’opinione prevalente è sembrata quella di ricondurla alla gestione dell’Aspem. Si vedrà, per il momento la farmacia funziona regolarmente con quattro unità lavorative, tra cui due nuove farmaciste di Amelia (“a Narni non ne abbiamo trovate”, ha rivelato De Rebotti), e un direttore “prestato” dall’azienda farmaceutica di Spoleto.

 

Pin It on Pinterest