Narni, progetti migranti, Tpn rivendica: “Primi a sollevare la questione Sprar”

NARNI – “L’avevamo già sollevato noi questo problema tempo fa”. Lo dice Tutti per Narni commentando le notizie di stampa del FattoQuotidiano in merito ai progetto Sprar per i migranti sui quali nei giorni scorsi c’è stato il botta e risposta fra M5S e Forza Italia da un lato e Comune dall’altro. Fra le opposizioni c’è anche chi ha annunciato la presentazione degli atti in procura anche se al momento nessuna delle opposizioni lo ha ancora ufficializzato.

“A noi interessa chiarire la quota di compartecipazione del Comune – spiega Tpn – vale a dire l’eccessivo impiego (sulla carta) di risorse umane, teso a giustificare l’entità dello stesso. Forse questi argomenti possono suonare come nuovi per qualche parte politica – aggiungono dal gruppo consiliare – ma per noi hanno il sapore del già visto dato che per primi abbiamo cercato nella passata consiliatura in diverse occasioni di sollevare il velo che ricopriva questa stranezza che vedeva Narni come Comune capofila, beninteso, ricevere più rifugiati di Terni e Perugia.

Lo abbiamo detto – precisano rivendicando una certa primogenitura – sia nelle commissioni consiliari che in Consiglio comunale, facendo capire alla giunta, al sindaco, ai dirigenti ed anche ai revisori dei conti di non credere ai costi eccessivi del personale che veniva impiegato. Così come non ci andava giù la spartizione dell’opera tra le solite associazioni, un vero e proprio compromesso storico. Come sempre nutriamo la massima stima nei confronti dell’autorità giudiziaria, nella speranza che la verità esca fuori, sempre nel rispetto del principio di innocenza dei soggetti fino a prova contraria”.

Pin It on Pinterest