Narni, ex Elettrocarbonium: Tpn chiede a GoSourche certezze su ambiente e occupazione

NARNI – Il nuovo amministratore delegato di GoSourche Italy, proprietaria dell’ex Eletrtrocarbonium, Luca Stinchelli, ha incontrato i gruppi consiliari del Comune di Narni per esaminare i piani aziendali. Durante l’incontro Stinchelli ha illustrato quali saranno le strategie nei prossimi mesi per la riapertura della fabbrica e la ripresa delle attività produttive. Fra le cose che sono state chieste, Tutti per Narni, che ha diffuso una nota a margine della riunione, ha puntato sugli aspetti ambientali e occupazionali.

“Abbiamo chiesto – spiega Gianni Daniele nel comunicato – impegni precisi da parte dell’azienda a difesa dell’ambiente, che vede in special modo Narni Scalo, secondo gli ultimi dati ufficiali, come uno dei territori, in Umbria, con il più alto tasso d’inquinamento. Diamo per scontato quindi che oltre agli investimenti necessari alla ripartenza degli impianti per la ripresa produttiva, ci siano quelli per una manutenzione accurata dei filtri “Lurgi”, posti alla base della ciminiera, quelli che permettono l’abbattimento dei fumi e delle sostanze nocive derivanti dalla lavorazione”.

Altro aspetto toccato da Tpn è stato quello del ritorno lavorativo di tutti gli ex dipendenti della Sgl Carbon. “Sono portatori – ha detto sempre Daniele – di conoscenze tecniche specifiche, necessarie per la ripartenza. Da considerare che il 2018 vedrà terminare tutti gli ammortizzatori sociali. Chiediamo al sindaco, in quanto massima autorità istituzionale, che si faccia garante delle legittime aspettative delle maestranze”. Il gruppo di minoranza ha infine chiesto anche di vedere il piano industriale “accompagnato – hanno aggiunto- dalle necessarie coperture economiche, magari in un incontro aperto con la cittadinanza, che non ha mai fatto mancare in ogni drammatica fase della chiusura dello stabilimento narnese, la sua vicinanza”.

Pin It on Pinterest