TERNI / DISCARICA DI VESTITI E TESSUTI NEL BOSCO: DENUNCIATI IN DUE

TERNI / DISCARICA DI VESTITI E TESSUTI NEL BOSCO: DENUNCIATI IN DUE

Giovedì, 14 Settembre 2017 10:05 Written by 
in Cronaca

la discarica

TERNI – Adesso le discariche si fanno anche con i vestiti. I carabinieri forestali hanno infatti scoperto un deposito illegale di lenzuola, coperte, biancheria ed indumenti esausti, 10 metri cubi di materiale contenuto all’interno di sacchi di plastica di varie dimensioni e colori. Il ritrovamento è avvenuto a Maratta Alta, alle porte di Terni. I carabinieri hanno poi visto che sugli indumenti c’erabno addirittura i loghi e i nomi di strutture alberghiere, nonché alcune ricevute intestate ad una società che esercita attività di noleggio e lavaggio di biancheria e che ha sede legale a Roma ma una filiale a Terni.

“Gli accertamenti successivi – spiega una nota dell’Arma - hanno evidenziato che la società, con l’avvio della raccolta differenziata, non potendo più conferirli all’interno dei cassonetti, aveva accumulato i rifiuti di natura tessile sul piazzale dell’azienda e, dovendo liberarsene, li aveva consegnati per lo smaltimento, senza accertarsi del possesso delle necessarie autorizzazioni, ad un soggetto di nazionalità marocchina, M.M”. Che infatti si è beccato la denuncia, insieme al rappresentante legale della società di noleggio-lavaggio di biancheria, per smaltimento illecito di rifiuti.

Il marocchino con un furgone aveva provveduto alla rimozione di quanto accumulatosi ma nvece di procedere al conferimento dei rifiuti in un centro autorizzato allo smaltimento ha pensato bene di buttarli in un’area seminascosta della periferia così da risparmiare sui costi. Tra l’altro il marocchino è una vecchia conoscenza dei carabinieri forestali. Era lui infatti che nello scorso giugno era stato denunciato per aver abbandonato nove congelatori in un bosco di Marmore. “La normativa ambientale – ricordano i forestali - prevede per tali ipotesi di reato la pena dell’arresto da tre mesi ad un anno e l’ammenda da 2mila e 600 euro a 26mila”.

©Riproduzione riservata
Millennium
EOF