I piccoli borghi puntano sui minori stranieri

GUARDEA – Un convegno a Guardea sul tema dei minori stranieri.  I minori stranieri non accompagnati possono costruirsi un futuro nei nostri centri storici e contribuire alla loro rivitalizzazione. E’ questo il tema del convegno in programma a Guardea, in sala del Consiglio, sabato prossimo 16 dicembre, con inizio alle 10, promosso da Comune di Guardea e Ofh (Opportunities for healt).

Il programma degli interventi. Alla giornata di studio parteciperanno numerose autorità provinciali tra cui il sindaco di Guardea e presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi, che aprirà il convegno, il prefetto di Terni, Paolo De Biagi, ed il questore, Antonino Messineo, il comandante provinciale dei carabinieri, Davide Rossi, il comandante provinciale della guardia di finanza, Massimiliano Giua, il vescovo di Terni, mons. Giuseppe Piemontese, il sostituto procuratore della repubblica presso il tribunale dei minori di Perugia, Flaminio Monteleone, l’assessore regionale alle politiche sociali e sanitarie, Luca Barberini, i sindaci di Civitella Alfedena (Aq), Giancarlo Massimi, e Montecastrilli, Fabio Angelucci e numerosi tecnici ed esperti del settore.

I principali argomenti trattati. Il convegno prende le mosse dalla legge 158/2017 sulla riqualificazione dei borghi e tiene conto del fatto che in Italia sono 5mila i piccoli comuni con popolazione sotto i 5mila abitanti. Per queste realtà i minori stranieri possono costituire un’importante risorsa. Questi ragazzi hanno infatti base motivazionale e capacità al lavoro, sono disponibili e pronti all’apprendimento di quelli che per loro sono nuovi mestieri e sono desiderosi di costruirsi un futuro in Italia. Il convegno vuole approfondire l’importanza della collaborazione interistituzionale su tali tematiche coinvolgendo, in un’ottica di sistema, le forze economiche e sociali e gli altri attori del territorio

Pin It on Pinterest