Notizie Terni
Venerdì, 01 Luglio 2016 13:07

Terni / Ast: arrivano 14 nuove assunzioni

TERNI (redazione) - Quattordici nuove assunzioni, a tempo determinato, all'Ast di Terni: lo ha comunicato alle rsu di stabilimento la direzione aziendale, annunciando anche come questi lavoratori verranno dislocati all'interno del sito. In particolare dieci saranno utilizzati al reparto Centro di finitura, due al Tubificio e due al reparto Pix2.

Si tratta di giovani tra i 20 e i 24 anni, assunti tramite agenzia interinale con contratto di tre mesi per far fronte ad esigenze produttive. Le rsu di Fim, Fiom, Fismic e Ugl spiegano in un comunicato di aver colto "in maniera favorevole l'iniziativa", visto che da mesi la stessa rappresentanza sindacale, dopo la riorganizzazione post vertenza, segnala "un'evidente carenza di personale".

"Ci auguriamo - continua la nota - che questo importante primo passo sia l'inizio di un percorso che porti risposte a tutti quei lavoratori che fino ad oggi hanno continuato ad operare in condizioni difficili sia di organici che di sicurezza, con un salario molto ridimensionato". Per questo le rsu hanno formulato ufficialmente all'azienda la richiesta di accogliere la proposta di stabilire nuove assunzioni.

Published in Altro in Provincia

TERNI (redazione) – Il tema caldissimo dell’ambiente scuote anche la Regione che sulla questione ha annunciato l’apertura di un tavolo istituzionale per la qualità dell'aria. A questo tavolo siederanno i Comuni di Terni e Narni e lo faranno insieme a quelli dei Comuni del restro della regione interessati al problema. Ci saranno infatti anche Perugia, Corciano, Foligno e Città di Castello. Il tavolo sarà presieduto dall'assessore all'ambiente Fernanda Cecchini e ne fanno parte anche il direttore di Arpa Umbria Walter Ganapini e i dirigenti dei servizi regionali.

La prima riunione ha tracciato le linee guida perché si possano raggiungere gli obiettivi per cui il tavolo è stato costituito, cioè il superamento della frammentarietà delle misure d'urgenza adottate tramite ordinanze dei singoli Comuni e la possibilità di adottare misure strutturali per ottenere risultati in termini di riduzioni di emissioni inquinanti.

"Già esiste un comitato tecnico di monitoraggio dell'attuazione del Piano aria - ha spiegato Cecchini -, ma vogliamo iniziare a costruire un programma in questo momento in cui nessuno sta sforando i limiti previsti, per arrivare, quando ci sarà bisogno, ad avere in tutto il territorio regionale stesse azioni e modalità d'intervento. Vogliamo, inoltre, individuare, anche d'intesa con gli assessorati regionali a trasporti, sviluppo economico, agricoltura e sanità, interventi strutturali per incidere nel contenimento delle emissioni che provocano sforamenti consistenti e che negli ultimi anni hanno causato diverse problematiche". Il tavolo ha il compito di promuovere l'adozione di misure d'urgenza omogenee e temporanee, da parte dei sindaci dei Comuni interessati nel caso di prolungati periodi di sforamento dei limiti di legge, ma soprattutto di misure strutturali che consentano di ridurre nel medio periodo le emissioni di inquinanti in atmosfera (dovute in particolare a traffico e riscaldamento domestico) e climalteranti per conseguire obiettivi stabili di miglioramento della qualità dell'aria.

"Il Piano dell'aria - ha aggiunto Cecchini - dice già come bisogna agire in caso di emergenza e questo è ribadito dal documento che il Ministero dell'ambiente ha messo a disposizione di Regioni e Comuni nel dicembre scorso. Il dovere morale e politico delle istituzioni, d'intesa con i soggetti preposti, però, è quello di lavorare per interventi strutturali perché si possa incidere durante tutto l'anno nella mitigazione dei rischi. Non è giusto far pensare ai cittadini che non c'è una linea di intervento comune a livello regionale e coordinata con il Ministero dell'ambiente. Oggi avviamo il lavoro.

Questo è un luogo politico istituzionale che vuole mettere insieme le diverse esperienze maturate dai Comuni e valutare con gli altri assessorati regionali come in futuro si possano combinare le risorse, ad esempio per sostenere in modo più efficace il trasporto pubblico, che dovrebbe andare a ridurre quello privato, e come si possa intervenire con misure agro ambientali, già in parte previste nel Programma di sviluppo rurale. Anche l'industria può contribuire con le innovazioni che sono a disposizione del mondo della produzione per far sì che si possa guardare a un futuro dove la qualità dell'aria, come quella dell'acqua e dell'ambiente, rappresenti uno dei punti di riferimento dell'agire amministrativo". Il piano prevede, infatti, di verificare la possibilità di adottare misure strutturali che possano conseguire, anche tramite progetti speciali, concreti risultati di riduzione di emissioni inquinanti per ciascun settore, come ad esempio traffico, riscaldamento e impianti industriali, individuando interventi, tempi di attuazione e modalità di finanziamento

Published in Ambiente

TERNI (redazione) - Da qualche settimana si posizionava davanti alle vetrine di alcuni negozi di via Oberdan e, con i pantaloni parzialmente abbassati, fissava le persone all'interno, assumendo a volte atteggiamenti provocatori: per questo un cinquantanovenne di Terni è stato denunciato dalla polizia con l'accusa di molestie alle persone. Secondo quanto riferito dalla questura, infatti, nonostante il suo comportamento non fosse mai violento ha comunque provocato preoccupazione e inquietudine tra commercianti e clienti. Dalle verifiche, al termine di una breve indagine e dopo essere stato riconosciuto dai testimoni, è risultato che l'uomo era già stato condannato in passato per lesioni ed indagato per danneggiamento. 

Published in Cronaca

TERNI (redazione) - Avrebbe umiliato continuamente la moglie, ingiuriandola e aggredendola anche di fronte ai loro due bambini in tenerissima età, un nigeriano di 37 anni, residente a Terni, allontanato dalla casa familiare dalla polizia su disposizione del gip Simona Tordelli. Maltrattamenti in famiglia l'accusa che gli viene contestata. In base agli elementi raccolti e a quanto dichiarato dalla donna, l'uomo, disoccupato da oltre un anno, oltre a maltrattare la moglie, sua connazionale, non contribuiva più al benessere della famiglia. Una pattuglia della volante gli ha notificato la misura cautelare e il nigeriano è stato immediatamente allontanato.

Published in Cronaca

TERNI – Strade dissestate, spesso causa di incidenti, automobilisti costretti a sborsare migliaia di euro per riparare le macchine. E' lo scenario a tinte fosche della viabilità ternana. Problema al quale Regione e Provincia cercano di porre rimedio mettendo soldi e progetti. Ammonta infatti a poco oltre 940mila euro il pacchetto di investimenti approvato dall’amministrazione provinciale per interventi su numerose strade del territorio.

I fondi, stanziati dalla Regione dell’Umbria nell’ambito del programma di potenziamento e miglioramento della rete stradale, serviranno per le manutenzioni straordinarie e il miglioramento delle pavimentazioni. Risorse per 250mila euro sono previste per la SR 79 Ternana e per la SR 209 Valnerina. In entrambi i casi verranno eseguiti lavori alle pavimentazioni. Altri 250mila euro sono destinati alla SR 71 Umbro Casentinese per lavori di straordinaria manutenzione in numerosi tratti dei comuni di Orvieto, Ficulle, Fabro e Monteleone di Orvieto.

Con 170mila euro la Provincia interverrà inoltre sulle SP 113 Tiberina, 37 Montecastrilli-Avigliano-Melezzole e 39 Sismanese con lavori di straordinaria manutenzione delle pavimentazioni stradali. 150mila euro sono riservate alla SR 71 Umbro Casentinese nel centro abitato di Orvieto Scalo per rifacimento della pavimentazione e 126mila euro finanzieranno lavori sempre alle pavimentazioni di alcuni tratti della SR 313 Passo Corese.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 533
EOF