Notizie Terni
Lunedì, 01 Settembre 2014 14:26

Terni / Approvato il bilancio del Comune

 La giunta comunale ha approvato il bilancio di previsione del 2014 che ora sarà posto all’attenzione del consiglio comunale. Una manovra da 322 milioni di euro, con 116 milioni di entrante in parte corrente, “caratterizzata – dichiara l’assessore al Bilancio Vittorio Piacenti D’Ubaldi – dal mantenimento inalterato della pressione fiscale e delle tariffe. L’unica eccezione riguarderà la tariffa sui rifiuti che avrà un incremento oscillante tra il 2.5% e il 3,5%, un aumento dettato quasi esclusivamente dalla necessità di coprire gli incrementi tariffari maturati nel corso del 2014 per il conferimento dei rifiuti in discarica che incidono per ulteriori un milione e 700 mila”.


“Comunque per quanto attiene la Tari – prosegue l’assessore – contiamo di fornire notizie diverse a consuntivo, quando si dovrebbero vedere gli effetti di alcuni misure intraprese che potrebbero portare a risparmi gestionali e quindi a un recupero, seppur parziale, dell’adeguamento introdotto nel bilancio 2014. Nessuna preoccupazione per quanto attiene l’Imu che riguarderà le attività produttive: rimane ferma al 2013, anzi abbiamo introdotto, in via sperimentali, meccanismi di sostegno alle attività produttive di nuova attivazione che vedranno l’esenzione di Tasi e Imu per una durata temporale, a partire da due anni, legata al numero dei dipendenti assunti. Analogo provvedimento è allo studio della giunta per quanto attiene le nuove attività commerciali”.


“Il bilancio 2014 – aggiunge Piacenti D’Ubaldi – fa i conti con le incertezze normative nazionali che si sono delineate solo nel mese di luglio, comunque non rinuncia a dare il massimo sostengo possibile alle linee programmatiche del sindaco e insistere sulla riduzione dei costi. Sul personale e le spese comprimibili contiamo di risparmiare un ulteriore 5%. Passaggio rilevantissimo sarà la stesura del bilancio di previsione 2015 quando l’Amministrazione Comunale sarà chiamata ad effettuare scelte strategiche al fine di assicurare il mantenimento del livello dei servizi e della pressione fiscale. E’ in questa sede che dovremo anche assumere iniziative rilevanti per la razionalizzazione e l’efficientamento delle partecipate, soprattutto alla luce del nuovo piano Cottarelli e delle iniziative in merito del Governo”. 

 
Pubblicato in Altro in Provincia

TERNI – Arrestato un 34enne sorpreso a rubare in ospedale. Nell’ultimo periodo, il nosocomio della città è stato preso di mira dai ladri, in genere pregiudicati e tossicodipendenti che si accontentano anche dei pochi spiccioli che trovano nei cassetti dei pazienti o dei loro cellulari.

La polizia ternana, per contrastare questo genere di microcriminalità ha intensificato i servizi di controllo nel complesso ospedaliero con l’impiego di agenti in borghese e anche sensibilizzando i degenti e i loro famigliari a tenere un atteggiamento più accorto.

I risultati non si sono fatti attendere: è di ieri mattina (31 agosto) l’arresto di un pregiudicato ternano da parte della squadra volante, chiamata da una paziente che dal corridoio aveva visto un uomo avvicinarsi al cassetto del suo comodino ed aprirlo. L’uomo, messo in fuga anche dagli altri occupanti della stanza, è andato poco lontano, perché è stato bloccato dalla volante che lo ha riconosciuto dalla descrizione fornita dai testimoni: un trentenne alto e con molti tatuaggi.

Si tratta di un ternano di 34 anni, disoccupato, con numerosi precedenti per furto, in particolare furti con destrezza. Arrestato per furto aggravato, è stato richiuso nelle celle di sicurezza della questura in attesa della direttissima.

 

Pubblicato in Cronaca
TERNI - “In difesa della dignità dei lavoratori delle acciaierie di Terni”, lo striscione blu dei lavoratori dell’acciaieria di Terni ha fatto breccia nell’attenzione dei tanti pellegrini e fedeli presenti in piazza San Pietro a Roma per l’angelus di papa Francesco di domenica 31 agosto, al quale erano presenti con i loro elmetti blu una ventina di lavoratori insieme al vescovo Giuseppe Piemontese, al sindaco Leopoldo Di Girolamo e al presidente della Provincia di Terni Feliciano Polli.
 
Un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla difficile situazione del lavoro e della crisi dell’acciaieria con la distribuzione di volantini e dialogando con le persone presenti in piazza e con gli organi d’informazione, ma anche un momento di comunione fraterna e di preghiera con il Santo Padre.
 
«E’ stato importante essere con i lavoratori a piazza San Pietro e pregare insieme con papa Francesco, far conoscere le nostre proposte e ragioni a tutti coloro che ci hanno avvicinato – ha detto il vescovo Giuseppe Piemontese -. Tutta la comunità cristiana avverte la gravità di questa situazione ed è vicina ai lavoratori e alle loro famiglie. Anche papa Francesco è a conoscenza della vicenda che riguarda l'acciaieria, comunicata ufficialmente in più modi e occasioni in queste settimane».
 
«In prossimità del vertice del 4 settembre, siamo andati a piazza San Pietro con alcuni lavoratori perché volevamo dare un segno di presenza e speranza – ha ricordato ancora il vescovo -. Un’iniziativa che mostra la vicinanza e l’attenzione della chiesa a questa grave situazione come fatto dai Vescovi umbri nel loro messaggio in difesa del lavoro dei giorni scorsi, la comunicazione al Papa della difficile situazione dell’acciaieria di Terni, con la mia riflessione sulla Mitbestimmung,  la preghiera con il papa all’Angelus, invitando tutti martedì prossimo 2 settembre alle ore 21 alla veglia di preghiera per la tutela del lavoro nel santuario di sant’Antonio a Terni, per pregare insieme perché la ThyssenKrupp modifichi i suoi piani, guardando non solo ai numeri, ma ai volti degli operai, uomini che hanno promosso il benessere dello stesso gruppo industriale. Non sia solo la logica del profitto a determinare le scelte, ma la giustizia e l’equità».
 
 
 
Pubblicato in Lavoro
TERNI - Martedì 2 settembre sarà a Terni una delegazione di Sinistra Ecologia Libertà, composta dall’on. Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale di S.E.L., dall’On. Ciccio Ferrara, componente della Commissione Attività Produttive della Camera e da Sergio Gentili, coordinatore regionale di S.E.L.
La delegazione incontrerà le segreterie territoriali di CGIL-CISL-UIL alle ore 10 presso la sede di S.E.L. in Via del Leone,44 per fare il punto della difficile situazione produttiva ternana che somma le crisi non ancora risolte del settore chimico, con in particolare la vicenda Basell e le recenti vertenze della SGL Carbon  e dell’ AST.
S.E.L. intende rappresentare ai lavoratori ternani la propria disponibilità a sostenerli nella battaglia per la difesa ed il rilancio dell’assetto industriale locale, vitale per l’intera regione e strategico per l’Italia. Successivamente la delegazione incontrerà i lavoratori dell’Ast impegnati nel presidio di Piazza della Repubblica.
 
Pubblicato in Lavoro
TERNI - E' necessario introdurre, al più presto, la tariffazione puntuale. In vista dei prossimi aumenti della tassa sui rifiuti, il Movimento Cinque Stelle di Terni esorta il Comune ad adottare il nuovo, ma già sperimentato in altre città italiane, metodo di tariffazione, per garantire, a famiglie ed imprese, un elevato risparmio. 
 
Tariffa puntuale - "Non c’è più niente da aspettare - afferma Thomas De Luca, capogruppo del M5S di Terni - gli aumenti nel passaggio dalla vecchia Tares alla nuova Tari, annunciati dall’assessore Piacenti D’Ubaldi, dal +2% al +5%, saranno una mazzata devastante per le famiglie e, soprattutto, per le imprese ternane. Per un commerciante pagare la tariffa dei rifiuti è diventata ormai cosa insostenibile. Ci auspichiamo che, entro il 2015, il Comune di Terni adotti la tariffazione puntuale per i rifiuti urbani. I cittadini devono, infatti,  poter pagare in base alla quantità di rifiuti indifferenziati prodotti e non più secondo logiche obsolete che disincentivano comportamenti virtuosi. 
 
Il Comune deve avere come obiettivo quello di valorizzare economicamente i materiali differenziati e non fare cassa aumentando la pressione fiscale. Ecco perchè, in occasione della discussione  per la modifica della delibera del regolamento sui tributi, in programma per l’8 settembre, noi del Movimento presenteremo un emendamento che richiederà l’introduzione e l’attuazione della tariffa puntuale in tempi certi. Moltissimi comuni italiani, fra cui Parma e Trento, hanno adottato il metodo di tariffazione puntuale che è una vera e propria rivoluzione economica e culturale".
 
Rifiuti zero - "Adottare la tariffa puntuale - spiega De Luca - consta di pochi semplici passaggi: eliminare i cassonetti ed estendere la raccolta porta a porta su tutte le aree urbane del territorio comunale, dotare i mezzi di raccolta di un sensore trasponder in grado di tracciare ogni utenza attraverso dei microchip applicati ai sacchetti, seguendo direttamente il loro percorso. 'Più differenzi e meno spendi', è così che si incentivano quelle pratiche virtuose dal punto di vista ambientale ed economico che devono entrare a far parte delle abitudini dei cittadini. Rifiuti Zero vuol dire anche creare nuovi posti di lavoro, creando quelle condizioni che facciano da volano a prospettive di ricerca e sviluppo industriale. Ed il futuro di Terni deve essere a  Rifiuti Zero".
Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 304