Notizie Terni

TERNI – In manette due giovani dell’est Europa per furto. Nella tarda serata del 22 aprile i carabinieri hanno tratto in arresto B.L. macedone 18enne pregiudicato e B.A.P. rumeno 20enne, incensurato, per furto aggravato in concorso.

I militari hanno sorpreso e bloccato i due giovani immediatamente dopo che avevano forzato, utilizzando dei cacciavite, le portiere di due auto parcheggiate in zona Borgo Bovio e rubato autoradio e navigatori satellitari. Molto importante è stata la telefonata al 112 effettuata da un cittadino che, transitando in zona a bordo del proprio autoveicolo, ha notato i due giovani mentre erano intenti nella forzatura della portiera di una Mercedes. L’uomo senza esitazione ha chiamato subito i carabinieri con il numero di emergenza europeo, consentendo così un intervento tempestivo e l’arresto dei due ladri.

I due malfattori sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza di questa caserma e questa mattina, durante la direttissima, sono stati condannati entrambi a 4 mesi con pena sospesa.

Pubblicato in Cronaca

TERNI – Spaventa gli abitanti di via del Rivo con un coltello e per questo viene denunciato. La sera del 21 aprile un residente della via ha telefonato al 113 segnalando che un suo conoscente, anch’egli ternano, gli aveva suonato al citofono armato coltello e poi si era allontanato.

Subito dopo sono arrivate alla polizia altre segnalazioni di passanti che comunicavano di aver visto un uomo con un coltello in mano camminare nella zona. L’immediato intervento della squadra volante ha consentito di rintracciare l’uomo nel quartiere di Campitello, dove è stato fermato con ancora con un coltello da macellaio, che è stato subito sequestrato.

L’uomo, un 44enne pregiudicato, non ha saputo fornire alcuna giustificazione riguardo al suo comportamento, anche perché era in evidente stato di ubriachezza. E’stato perciò denunciato per il reato di porto illegale di arma da taglio.

Pubblicato in Cronaca

TERNI – Denunciato rumeno per maltrattamenti. Il 21 aprile la polizia è si è recata nella casa di una famiglia ternana alla quale, piangendo, una giovanissima donna rumena aveva chiesto aiuto ed aveva confidato che di notte si era svegliata con una corda stretta alle caviglie.

I maltrattamenti - Era stato il suo compagno rumeno 27enne, a legarla, per impedirle di lasciarlo, portando con sé il loro figlioletto, di appena un anno di età. Era riuscita a liberarsi della corda, ma l’uomo gliela aveva legata di nuovo, più volte intorno al collo, per spaventarla e farla tornare sulla sua decisione.

La fuga - La mattina, in un momento di distrazione del compagno, la donna aveva suonato al campanello dei vicini di casa, e in lacrime aveva chiesto loro se poteva affidargli la borsa con i documenti suoi e del bambino, che lei aveva preparato da tempo per partire, perché temeva che il compagno gliela nascondesse, così come aveva fatto ogni volta che lei gli aveva esternato la sua esasperazione e la volontà di interrompere la convivenza.

La lite - La lite aveva avuto inizio la sera precedente, sempre per la decisione della donna di andarsene, perché provata da una convivenza di maltrattamenti fisici e psicologici e dalle privazioni economiche, dal momento che l’uomo non lavorava e trascorreva tutto il tempo con i suoi connazionali a bere e giocare a carte, con lei costretta a chiedere da mangiare ai vicini.

Le indagini - Le indagini svolte hanno consentito di trovare elementi di riscontro rispetto alle dichiarazioni della donna, per quanto riguarda le condizioni di isolamento in cui lei ed il bambino avevano vissuto da quando nel mese di dicembre 2013 si erano stabiliti a Terni, nonché di povertà tali da non consentire alla donna nemmeno le cure mediche. Inoltre erano evidenti la paura e l’assoggettamento della donna al suo compagno, che le si rivolgeva con disprezzo e frasi offensive, sia urlando tra le mura domestiche, che nelle rare occasioni in cui uscivano insieme.

La denuncia - Accompagnati in questura, l’uomo ha ammesso di aver legato la corda al collo della compagna, minimizzando la gravità del fatto, dicendo che voleva solo spaventarla. E’ stato denunciato per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi di assistenza familiare, continuati, mentre la compagna e il figlio sono stati affidati ad un centro antiviolenza.

 

Pubblicato in Cronaca

TERNI – In manette donna ternana per furto. I carabinieri di Collescipoli, il 17 aprile hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per furto aggravato di T.B., 67enne ternana, già nota alle forze di polizia, per episodi analoghi. La donna, all’interno del centro commerciale Leclerc di Cospea, approfittando della presenza di numerosi  clienti e pensando di poter eludere i controlli, ha nascosto all’interno della propria borsa capiente, generi alimentari e articoli cosmetici per un valore complessivo di oltre 200 euro.

Insospettiti dal suo atteggiamento i vigilantes di servizio hanno richiesto tramite 112 l’intervento della pattuglia presente in zona che è accorsa repentinamente sul posto. Alla vista dei militari e dopo aver oltrepassato le casse, la donna ha cercato di disfarsi della merce non pagata, ma è stata subito bloccata ed invitata a restituire tutta la refurtiva. Al termine delle operazioni T.B., su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

Pubblicato in Cronaca

TERNI – Ha protestato tirando uova contro la facciata del palazzo di giustizia. La singolare protesta è stata messa in atto da un 80enne ternano che la mattina del 18 aprile è arrivato davanti al palazzo ternano ed ha cominciato a lanciare uova, inveendo contro la giustizia. Non è la prima volta che l’uomo protesta davanti al tribunale per dei ritardi che, secondo quanto ha dichiarato, si riferirebbero ad un procedimento che lo riguarda. Sul posto sono giunti i carabinieri che lo hanno identificato e calmato.

Pubblicato in Altro in Provincia
Pagina 1 di 246