Notizie Terni

TERNI - Nel 2014 gli abitanti nei comuni della Provincia di Terni hanno pagato 128.680.000 euro di tasse locali, cioè 17.693.000 più del 2013. Per abitante 556 euro e cioè 76 euro in più (neonati compresi) rispetto all’anno precedente. Si tratta, spiegano dalla Uil di Terni, dell’Imu-Tasi, dell’addizionale comunale Irpef, della tassa-tariffa rifiuti, dell'Ipt, dell'imposta Rc Auto e della Tefa. In particolare l’addizionale comunale Irpef "ci costa 93 euro a testa, ben 22 euro in più della media nazionale (71 euro) mentre per la tassa rifiuti paghiamo 137 euro a testa e cioè 8 euro in più della media nazionale (129 euro)" fanno notare dalla Uil che sottolinea anche come "diminuiscono invece le spese per il personale (dati nazionali) in particolare nel comparto delle Provincie, nell'ultimo trienno, diminuisce del 27,1%, nei Comuni del 6,5%.

"Tale risultato è dovuto - proseguono - oltre al gravissimo rinvio dei rinnovi contrattuali, con il blocco delle retribuzioni individuali ferme al 2010, anche al blocco del turn over. Sempre nello stesso periodo (2012-2014), la spesa corrente di Regioni, Province, Comuni e Asl è aumentata in valori assoluti di 9 miliardi di euro (+2,8%), equivalenti a 3.700 euro medi per abitante".

Più tasse e meno servizi - “Così non va - dichiara Gino Venturi segretario Uil di Terni - aumentano le tasse e diminuiscono i servizi per i cittadini. Vanno invece eliminati gli sprechi e le spese eccessive per la politica e per i dirigenti. La Uil continuerà, ed anzi intensificherà con maggiore forza la lotta contro gli sprechi e per la eliminazione delle esternalizzazioni che non convengono ai cittadini. In tutti i Comuni del territorio e in Provincia la Uil proporrà piani di miglioramento, come sta facendo al Comune di Terni, in grado di consentire risparmi e reperire risorse per investimenti produttivi e incentivazioni per il personale. In particolare per i lavoratori della Provincia va garantito il posto di lavoro”.

Pubblicato in Economia

TERNI - Il 3, 4 e 5 marzo si voterà per il rinnovo delle rappresentanze sindacali unitarie (rsu) della Provincia di Terni. Le operazioni di voto si svolgeranno il 3 marzo dalle 10,00 alle 14,00, il 4 marzo dalle 9,00 alle 14,40 e il 5 marzo dalle 9,00 alle 17,00. Due i seggi aperti: nella sede di Terni al piano terra di Palazzo Bazzani in sala della maggioranza, ad Orvieto al liceo scientifico e tecnico “Majorana” di Via dei Tigli, 31. La commissione elettorale è composta da Tiziana Begliuomini, Raffaella Chiaranti, Andrea Giovannini e Sandra Moresi. I candidati alle elezioni sono i seguenti:

USB – Graziella Cetorelli, Tatiana Bacaro, Laura Proietti, Ivo de Marco, Dario Locci, Matteo Stoico e Giovanni Veneri;

CGIL – Cristina Agabiti, Cinzia Ardenti, Valentino Belgi, Maria Daniela Bonaccini, Cristiana de Angelis, Michela del Rossi, Gianluca della Volpe, Fabio Frizza, Vania Mangialardo, Silvia Menicocci, Federico Paperini e Lorenzo Vagati;

CISL – Fabrizio Fazi, Paolo Onori, Moreno Morganti, Patrizia Capoccia, Giovanni Maggi, Mauro Bracciantini, Fabio Latini, Luciano Pastaccini, Stefano Sorgenti e Massimiliano Mazza;

UIL – Stefano Ambrosini, Moreno Anulli, Roberta Ascani, Maria Letizia Barnocchi, Giuseppina Carlini, Moreno Corvi, Graziano Fedeli, Roberto Lucio Fugazzotto, Giampaolo Germani, Paolo Lucci, Stefania Marcucci, Augusto Pelliccia, Ivano Petrelli e Mirco Piciucchi. (ufficio stampa provincia terni)

Pubblicato in Cronaca

TERNI - Il paesaggio, l’archeologia, il patrimonio ambientale, idrico e naturalistico, i centri storici, l’impatto del panorama e le testimonianze agricole ed ecclesiastiche sono valsi alla Provincia di Terni l’inserimento nella classifica delle eccellenze nazionali del ministero dei beni culturali per il Premio Paesaggio del Consiglio d’Europa. La Provincia è stata inserita grazie alla redazione del contratto di paesaggio e del contratto di fiume che legano insieme i comuni di Acquasparta, San Gemini, Avigliano Umbro, Montecastrilli (Contratto di Paesaggio), Terni, Narni e l’area del Nera fino alla confluenza con il Tevere (Contratto di Fiume).

La commissione ministeriale ha ritenuto i due progetti meritevoli della menzione per l’eccellenza delle elaborazioni e delle bellezze inserite. Contratto di Paesaggio e di Fiume sono inseriti anche nel progetto europeo Modeland che unisce Italia, Spagna, Grecia, Francia e Cipro e che è finalizzato al riconoscimento delle identità, dei valori e delle risorse territoriali per un nuovo modello di governo del territorio nelle aree rurali mediterranee. (ufficio stampa provincia terni)

Pubblicato in Altro in Provincia

AMELIA - La caserma dei vigili del fuoco rischia la chiusura. L'allarme lo lanciano i sindacati che hanno manifestato perplessità nei confronti del riordino e del ridimensionamento dei vigili del fuoco a livello provinciale. Il comando regionale ha infatti annunciato una cura dimagrante per sedi e squadre, cosa ritenuta molto negativa dai sindacati che mettono in allarme sui livelli di sicurezza. La scure dei tagli rischia di ripercuotersi fortemente sell'amerino e la prima indiziata per la chiusura è la caserma del centro storico. Un servizio però ritenuto fondamentale per assicurare interventi su un vasto territorio fra Narni, amelia e i confini con l'orvietano.

I sindacati hanno annunciato la formulazione di proopste che potrebbero risolvere i problemi senza toccare gli assetti attuali. Sull'argomento è intervenuto anche il presidente della Provincia di Terni Leopoldo di Girolamo che ha annunciato un incontro urgente con i sindacati . “Certe decisioni – afferma il presidente riferendosi al ridimensionamento - possono rappresentare un rischio per il mantenimento dei livelli di sicurezza e di pronto intervento.

Il territorio provinciale è infatti molto vasto e composito, per densità demografica e presenza di industrie con determinate caratteristiche e problematicità, richiede una presenza adeguata di quei corpi che sono deputati al pronto intervento e alla sicurezza in caso di emergenza. L’eventuale ridimensionamento anche delle caserme con la chiusura di Amelia e il concentramento solo su Terni, diminuirebbe l’efficienza del servizio con uno svantaggio per tutti. I vigili del fuoco sono inoltre da tanti anni un’eccellenza grazie alla loro grande e riconosciuta preparazione e professionalità”.

Pubblicato in Cronaca

TERNI - L'uomo delle spaccate ha i minuti contati. La polizia ritiene infatti che il 45enne denunciato giovedì 26 febbraio per un tentativi di furto ad una farmacia sia in realtà l'autore degli atti criminosi degli utlimi giorni ai danni di numerosi negozi. Ad insospettire gli agenti sono state le modalità, ma anche la sua fedina penale. Ben 12 le condanne per reati contro il patrimonio e contro la persona, passando anche per l’associazione a delinquere.

Il primo reato risale all’1987, quando aveva 17 anni, negli anni si è poi specializzato in furti con sfondamento. Il 45enne è stato denunciato in stato di libertà per tentato furto aggravato e possesso di arnesi atti allo scasso. L'uomo ha cercato di forzare gli ingressi di una farmacia ma non è riuscito nel suo intento perchè poi alcuni testimoni lo hanno avvisato ed hanno chiamato la polizia.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 387