Notizie Terni

TERNI - E’ stato trovato ieri pomeriggio su una panchina in via Nino Bixio da una pattuglia della Squadra Volante, dopo che alcuni passanti avevano avvertito la Polizia di Stato. Ubriaco e sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, dal controllo in banca dati è emerso che il cittadino marocchino 40enne, era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari da dicembre per aver commesso una rapina ai danni di un supermercato, motivo per cui gli era stato revocato il permesso di soggiorno. Arrestato per evasione, mercoledi mattina 25 maggio è stato giudicato con rito direttissimo e la dr.ssa Taverna ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Published in Cronaca

TERNI (redazione) – “La centrale unica di committenza è uno strumento di grande utilità per i Comuni, per quelli di più ridotte dimensioni diventa un servizio fondamentale”. Lo hanno detto stamattina il presidente Leopoldo di Girolamo e il vice presidente Giampiero Lattanzi nel corso di una riunione convocata con i comuni del territorio provinciale per fare il punto della situazione sulla centrale unica di committenza anche alla luce delle nuove disposizioni normative sugli appalti. “La Provincia – hanno affermato di Girolamo e Lattanzi – vuole proseguire l’erogazione del servizio potenziandolo dove necessario. Per fare questo dobbiamo capire quali siano le esigenze delle amministrazioni comunali in modo da tarare la nostra struttura e dare ai Comuni un servizio sempre più efficace ed utile.

La centrale di committenza – hanno proseguito presidente e vice – è uno dei nodi fondamentali del nuovo ente, così come disegnato dalle leggi di riforma, finora i Comuni che vi hanno fatto ricorso hanno giudicato le prestazioni in maniera molto positiva. Noi vogliamo continuare a svolgere questo servizio migliorandolo ulteriormente”. Ai Comuni è stato fornito un questionario in base al quale verrà fatto il quadro delle esigenze e delle necessità, ente per ente, relativamente al settore della gestione degli appalti pubblici. “In base alle risultanze – hanno puntualizzato di Girolamo e Lattanzi – adegueremo la nostra struttura”. L’amministrazione redigerà un regolamento apposito per la gestione e il funzionamento della centrale di committenza che sarà adeguato alle normative vigenti e specificherà nel dettaglio l’erogazione del servizio e il rapporto con gli enti comunali. 

Published in Economia

TERNI – Veri professionisti del furto, rubavano automobili di grossa cilindrata, spacciandosi per acquirenti. Riuscivano infatti furbescamente a prendere le chiavi e a portarsi via le macchine. Tre i colpi messi a segno a Maratta, direttamente in concessionarie e uno fallito a Narni. I carabinieri però li hanno alla fine smascherati e arrestati. Si tratta di una copia di pluripregiudicati assicurati alla giustizia grazie ad un’accurata e sagace indagine che ha permesso ai militari di porre fine alla serie di furti. La denuncia immediata e circostanziata di alcuni furti di macchine di valore commessi a Terni fra il febbraio ed il marzo scorso ai danni di diverse concessionarie ha fatto scattare le indagini.

I Carabinieri, mettendo a sistema i diversi elementi raccolti nei 4 episodi delittuosi caratterizzati dalle medesime modalità operative, 3 dei quali localizzati in zona Maratta e tutti andati a segno ed il quarto a Narni ma fallito, iniziavano un meticoloso lavoro di intelligence e riscontro per identificarne gli autori. I due uomini, distinti, ben vestiti e molto educati, accedendo nelle diverse concessionarie in più occasioni fingendosi clienti molto competenti ed interessati all’acquisto, riuscivano, con inganno e furbizia, ad impossessarsi delle seconde chiavi di vari automezzi. Sfruttando poi i momenti in cui erano presenti molti clienti o quelli di pausa, avendo già le chiavi, sottraevano abilmente il mezzo.

I certosini accertamenti svolti dagli uomini dell’Arma permettevano di raccogliere elementi univoci ed inequivocabili sulla commissione dei furti investigati da parte di due romani, un 49enne ed un 46enne, entrambi già autori di episodi delittuosi similari in varie regioni italiane, tali da permettere, da parte del G.I.P. del Tribunale di Terni, l’emissione nei loro confronti di un’ordinanza di custodia cautelare per i reati di furto aggravato in concorso e continuato. I due soggetti, raggiunti questa mattina dai Carabinieri della Stazione di Terni supportati dall’Arma locale rispettivamente ad Ardea (RM) e Roma, venivano pertanto arrestati e sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni. La perquisizione eseguita nei loro confronti portava al sequestro dell’abbigliamento utilizzato dai due in occasione della commissione dei raid ternani, di molte schede telefoniche, ma soprattutto al rinvenimento di numerose chiavi di autovetture presumibilmente trafugate da altre concessionarie umbre, toscane e laziali.

Published in Cronaca

TERNI - "Vi apro dallo stomaco fino alla gola con la mia katana (spada giapponese a lama curva,ndr)": è quanto avrebbe urlato a due agenti intervenuti per calmarlo, aggredendoli, un 30enne romeno arrestato dalla polizia, a Terni, per resistenza, lesioni e minacce aggravate a pubblico ufficiale, dopo aver dato in escandescenze in un bar della stazione.

La presenza dell'uomo (residente a Foligno) è stata segnalata dal lcale al 113 nel pomeriggio di ieri. In base a quanto riferito, il romeno si sarebbe alterato dopo che il barista si era rifiutato di servigli da bere perché già in evidente stato di ubriachezza. Quando è arrivata la pattuglia della volante, invece di calmarsi, si è scagliato contro gli agenti, ferendoli: uno ha riportato lesioni guaribili in sette giorni e l'altro in dieci. Solo con l'intervento dell'equipaggio una seconda volante si è riusciti a bloccare l'uomo (con precedenti per reati analoghi commessi all'Aquila) e a portarlo in questura.

Sono stati notati da un residente di via Campofregoso, che ha chiamato il 113 dopo averli visti armeggiare intorno a delle biciclette parcheggiate, due sessantenni di Terni (con precedenti specifici), denunciati dalla polizia per furto aggravato in concorso. Tre le bici recuperate all'interno di un furgone bianco bloccato 100 metri dopo il luogo del furto. Il cittadino - secondo quanto riferito dalla polizio - ha visto i due spezzare la catena di una delle bici con una grossa tronchese e caricarla sul furgone.

Sempre grazie alla segnalazione di un cittadino, durante i controlli serali nella zona della movida cittadina, la polizia ha anche recuperato, nella zona di piazza Clay, 29 dosi di droga (tutte termosaldate) nascoste dentro un pacchetto di sigarette nella fessura di un muro di un palazzo. Il residente aveva notato movimenti sospetti e in particolare un giovane, ancora in fase di identificazione, lasciare il pacchetto. La sostanza, analizzata dalla polizia scientifica, è risultata essere eroina.

 

Published in Cronaca

TERNI– Ammonta ad oltre 6 milioni di euro il totale degli investimenti 2015 su miglioramento delle reti e dei sistemi di depurazione. Si tratta di progetti approvati e affidati dalla Sii, grazie anche al cofinanziamento della Regione Umbria e della Comunità Europea. Gli interventi sono finalizzati al proseguimento dei programmi di miglioramento complessivo del sistema idrico provinciale già avviati da anni e portati avanti su tutto il territorio provinciale.

Allo stesso modo, anche quelli approvati nel 2015 riguarderanno tutte le aree della provincia su cui la Sii ha competenza. In particolare i progetti riguardano il riordino del sistema di raccolta e trattamento dei reflui e la realizzazione delle stazioni di sollevamento e di collettamento delle acque reflue, l’adeguamento di alcuni impianti di depurazione e altri di adduzione idrica. Ulteriori importanti interventi sono previsti per il sistema di collegamento acquedottistico Ternano-Amerino.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 527
EOF