Covid-19, crescita lenta ma il contagio non si ferma: Salgono i guariti ma c’è apprensione a Giove

UMBRIA – Cresce gradualmente (anche se i tampoini non sono tantissimi) ma non si ferma l’epidemia da coronavirus in Umbria e l’azzeramento dei casi non sarà probabilmete a breve come era stato calcolato due giorni fa. I positivi salgono a 1128 persone, i guariti sono appena 23, di cui 13 residenti nella provincia di Perugia, 10 in quella di Terni.  Discreto iil numero dei guariti clinicamente che sono 182, di cui 130 residenti nella provincia di Perugia e 52 in quella di Terni.

I deceduti sono però parecchi, ben 38, 23 residenti nella provincia di Perugia e 12 in quella di Terni, 3 di fuori regione. Tra i 1128 pazienti positivi, 38 sono di fuori regione, quindi il numero compelssivi di umbri è inferiore a mille. 0844 sono residenti nella provincia di Perugia e 246 in quella di Terni. Sono ricoverati in 218: di questi, 157 sono residenti nella provincia di Perugia e 50 in quella di Terni, 11 sono di fuori regione. I ricoveri nell’ospedale di Perugia sono 69, 56 in quello di Terni, 35 a Città di Castello, 45 a Pantalla, 5 a Orvieto, 8 a Foligno.

Dei 218 ricoverati, 47 sono in terapia intensiva, 19 nell’ospedale di Perugia, 15 in quello di Terni, 7 a Città di Castello, 5 in quello di Orvieto, 1 a Foligno. Le persone in osservazione sono 3130: di questi, 2340 sono nella provincia di Perugia e 790 in quella di Terni. Sempre alla stessa data risultano 4563 soggetti usciti dall’isolamento, di cui 3666 nella provincia di Perugia e 897 in quella di Terni. Nel complesso entro le ore 8 del 1 aprile, sono stati eseguiti 9738 tamponi in quasi un mesi di emergenza e su 900mila abitanti. Non tantissimi.

Apprensione a Giove – La situazione più difficile dopo Orvieto nel ternano si registra a Giove dove i positivi sono ben 8 e oltre 30 quelli in isolamento. Sono tutti con sintomi lievi tranne uno che, a causa anche di patologie pregresse, è stato ricoverato all’ospedale in condizioni serie.

Pin It on Pinterest