Narni, sanità, FI tuona: “Manca personale, servono risposte immediate”

NARNI – Il tema della sanità è ovviamente uno dei più caldi in Umbria. Tutte le parti politiche così intervengono per dire la loro. Questa volte a far sentire la sua voce è Forza Italia che in una nota diffusa dal consigliere comunale Sergio Bruschini esprime la sua preoccupazione per le inchieste in corso sulla sanità regionale. “L’avvio di questi procedimenti giudiziari – si legge nel comunicato – ha prodotto recentemente la sospensione di tutte le procedure di reclutamento del personale, creando enormi difficoltà per il personale sanitario, già numericamente carente, con ripercussioni negative sulla qualità di assistenza ai malati”. Per queste ragioni, Bruschini chiede che i commissari regionali forniscano “una risposta tempestiva per sbloccare tale situazione di stallo”.

Inoltre, il coordinamento provinciale di Forza Italia passa in rassegna alcune criticità a suo avviso riscontrate nell’azienda ospedaliera ternana. “Recentemente – ha dichiarato il gruppo provinciale di Forza Italia – alcuni dirigenti amministrativi hanno scelto la via del pensionamento anticipato, senza apparenti giustificati motivi, peraltro mai resi noti dalla direzione aziendale. Inoltre, persiste il problema di malati ancora giacenti nei corridoi oppure collocati in reparti non di appartenenza”.

Altri nodi critici, secondo Forza Italia, sono le lunghe liste d’attesa “non omogenee per tutti i reparti, specialmente per le patologie non neoplastiche”, e “la non organizzazione omogenea delle urgenze, per cui i pazienti non hanno un percorso ben definito e la stessa patologia viene trattata in modo difforme a seconda del reparto di accettazione”. Infine, occorre segnalare, secondo quanto dichiarato da Forza Italia, “la disparità di trattamento economico rispetto al salario di risultato che premia in modo maggiore le posizioni organizzative, rispetto a chi realmente si occupa quotidianamente della gestione dei pazienti”.

In virtù di tutte queste considerazioni, il comunicato del gruppo provinciale di FI si conclude con specifiche richieste a cui secondo loro sarebbe necessario dare presto una risposta: abolizione dei commissari aziendali delle Asl e degli ospedali, che creano situazioni di incertezza e precarietà; la pronta attivazione dei concorsi per le assunzioni; un piano di investimenti per l’edilizia sanitaria e per gli aggiornamenti tecnologici.

 

 

 

Pin It on Pinterest