Acqua, a 2mila e 700 utenze il Bonus idrico del Sii

TERNI – Sono 2mila e 700 le utenze che usufruiranno del “Bonus integrativo idrico” (BII)  e le cui domande sono state vagliate e accolte dal Servizio Idrico integrato di Terni. Il BII prevede un fondo integrativo a livello locale per aiutare le famiglie e gli utenti singoli inseriti in fasce di reddito basse e si associa al “Bonus sociale idrico” già attivo e previsto a livello nazionale. Il bonus previsto è di circa 60 euro e considerando una famiglia-tipo di 3 componenti, l’incentivo sul costo medio della bolletta andrà a favore di oltre 8mila persone.

“Il “Bonus integrativo idrico” è un fatto molto importante, perché offre uno strumento concreto ai soggetti meno abbienti, è un esempio virtuoso per il settore idrico umbro e uno degli esempi positivi a livello nazionale”, afferma il presidente del Sii Stefano Puliti.

“Iniziative come il Bonus integrativo idrico si inseriscono nel contesto degli impegni del Sii nel settore delle politiche di sostenibilità sociale della tariffa che vanno accompagnate da strategie di sostenibilità economica della stessa per garantire un sistema che, insieme ad altre risorse pubbliche, vada nella direzione di investire per innalzare e adeguare in continuo il livello di qualità dei servizi”, commenta l’amministratrice delegata del Sii Tiziana Buonfiglio.

Sul BII si sono espresse anche le associazioni di consumatori che hanno formulato un giudizio positivo sullo strumento per la cui attuazione pratica collaborano concretamente con il Servizio Idrico integrato, nel rispetto dei ruoli e delle competenze reciproche.Il Servizio Idrico integrato ha anche dato vita alla Conciliazione paritetica, uno strumento operativo che ha l’obiettivo di snellire le procedure legate alle eventuali controversie tra utenti e gestore.

La Conciliazione paritetica prevede infatti, in modo gratuito, la possibilità di risolvere la controversia tramite composizione extragiudiziale con l’adesione, tramite il protocollo d’intesa, all’organismo ADR Acea Associazione Consumatori. Il protocollo attuativo promuove e sviluppa la cultura e gli strumenti di composizione delle controversie costituendo un soggetto che facilita in sede locale il rapporto utenti-Sii”.

Pin It on Pinterest