Ambiente, la commissione parlamentare stringe i tempi: Domani di nuovo a Terni

TERNI – Dopo i sopralluoghi e le audizioni della scorsa settimana, la Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati sarà di nuovo a Terni domani 7 marzo.

La delegazione, guidata dal presidente Stefano Vignaroli, ascolterà il sindaco Leonardo Latini e i rappresentanti della quarta Commissione consiliare del Comune, il presidente della Provincia di Terni Giampiero Lattanzi, il direttore della Asl, il comandante della polizia provinciale.

Inoltre, la Commissione sentirà i rappresentanti delle acciaierie Ast e di Erg Hydro, oltre ai sindacati che rappresentano i lavoratori Ast.
“La Commissione – spiega Vignaroli – ha deciso di tornare a Terni per dedicare all’area tutta l’attenzione che merita.

Abbiamo trovato un territorio in cui, a causa dei ritardi dei soggetti responsabili per la bonifica delle diverse aree e della complessità del Sin, non c’è ancora un quadro completo dell’inquinamento”. “I controlli – ha sostenuto ancora il presidente della Commissione – sono troppo pochi e non è stato attivato uno studio epidemiologico della popolazione che approfondisca quanto emerso dal progetto Sentieri in termini di rapporto causale tra fonti dell’inquinamento e salute.

Una situazione critica che ci ha spinto ad ampliare le audizioni e a rimandarne altre al 7 marzo, in modo da poter approfondire i diversi aspetti in modo adeguato”. (ANSA).

Pin It on Pinterest