Covid-19, Narni, pacchi aimentari e navette per aiutare i cittadini

NARNI – Covid-19 fa accelerare sul fronte degli aiuti alle famiglie e ai cittadini in genere. Due le iniziative messe in campo dal Comune. La prima riguarda il servizio navetta per il trasporto che è stato potenziato e innovato anche tecnologicamente. La seconda sono i pacchi alimentari a chi ne ha più bisogno.

Navetta – Un nuovo software per gestire il servizio a chiamata del trasporto pubblico. Lo annuncia l’assessore alla mobilità urbana Alfonso Morelli che illustra il progetto di automazione delle navette per affrontare meglio l’emergenza covid-19. “In collaborazione con Busitalia – dice l’assessore – stiamo lavorando per migliorare il servizio a chiamata ad oggi è lo strumento migliore per poter gestire il servizio con gli attuali standard di sicurezza”.

Morelli sottolinea in particolare che è in fase di test il nuovo software che riesce a gestire in tempi rapidi e con migliore efficienza i percorsi dei mezzi in funzione delle chiamate. “Tali mezzi – spiega – saranno dotati di nuovi dispositivi di bordo per una comunicazione efficace con la centrale operativa e quindi con le richieste dell’utenza. Avremo inoltre una app, la “Mycicero”, che permetterà al cittadino di prenotare le corse, avere informazioni sugli orari, acquistare titoli di viaggio e che noi estenderemo poi anche ad altri servizi comunali come ad esempio Ztl e parcheggi.

Il trasporto pubblico – afferma l’assessore Morelli – è di fondamentale importanza per la mobilità sostenibile. Nonostante l’emergenza cerchiamo di sostenerlo e renderlo sicuro ed utilizzabile facilmente grazie all’innovazione tecnologica. Al momento – conclude – siamo in fase di test, dalla fine di giugno inizieremo gradualmente ad applicare queste misure di miglioramento”.

Pacchi alimentari – Un pacco alimentare per chi è in difficoltà economica. E’ l’iniziativa lanciata dal, Comune di Narni che ha pubblicato un avviso per la formazione di un elenco di beneficiari del servizio. Il pacco alimentare è destinato a chi ha un Isee non superiore a 6mila euro e riguarda soggetti che abbiano la residenza nel, territorio dell’ambito sociale narnese-amerino di cui Narni è capofila.

Il pacco conterrà generi alimentari standard e prodotti di prima necessità adeguati ai bisogni del nucleo familiare e sarà consegnato anche a domicilio per chi non ha la possibilità fisica di poterlo reperire al centro civico di Cigliano dove saranno custoditi i prodotti. Il pacco, spiega l’amministrazione comunale, è da considerarsi un beneficio equivalente al contributo economico in forma indiretta e l’accesso al beneficio avverrà in base alle disponibilità di prodotti alimentari e di beni di prima necessità, secondo la graduatoria delle domande.

Il Comune di Narni si riserva di adeguare il numero dei beneficiari in funzione delle derrate alimentari e dei beni di prima necessità disponibili e nel limite delle risorse economiche all’uopo stanziate. La prima graduatoria verrà composta con le domande pervenute entro il 30mo giorno di pubblicazione dell’avviso. Successivamente la graduatoria verrà aggiornata con cadenza bimensile.

Pin It on Pinterest