Narni, Alcantara, frena il mercato: Contratti a tempo in bilico

NARNI – Se non cambiano gli scenari da qui a dicembre saranno in 35 i contratti a termine che non rinnoverà Alcantara. Cinque di questi sono già saltati, gli altri 30 aspettano di mettere i nomi nelle caselle. Non è un bello scenario quello che si prospetta per Alcantara, azienda leader del settore che però sta scontando improvvise difficoltà sui mercati. La fabbrica non riesce a rientrare delle spese fatte per i nuovi investimenti, in base ai quali aveva deciso di fare nuove assunzioni sicura della risposta positiva sui mercati.

Le cose però non sembrano andare in quella direzione. La produzione è ferma ai numeri del 2017, ottime performance ma che non bastano a soddisfare le aspettative. E’ il mancato sviluppo e l’apporto dei nuovi prodotti che non hanno ancora una lunga durata, quella richiesta dal settore dell’automotive, il nocciolo della questione che fa registrare la mancanza di 1 milione e 400mila metri quadri previsti un anno e mezzo fa.

Manca insomma il balzo in avanti e il rallentamento del mercato dell’auto, leggermente in ripresa in Italia nell’ultimo mese, fa sentire il suo peso, così come la contrazione del mercato cinese. Il sindaco Francesco De Rebotti ha annunciato un incontro a breve con l’azienda ed ha auspicato che questa difficoltà sia solo temporanea. Fabrizio Framarini, responsabile della Cisl, ha ribadito che la fabbrica sta andando bene e che questa è una questione congiunturale di un mercato, quello dell’automotive, che è calato del venti per cento.

Tutti per Narni preocupati – Intanto arrivano le prime reazioni della politica. Tutti per Narni si dice fortemente preoccupato per la situazione e chiede chiarezza per capire se siano solo voci o ci sia inbeve qualcosa di concreto. “E’ un fulmine a ciel sereno se anche da un’azienda solida come l’Alcantara, dove sono in atto oltretutto investimenti davvero cospicui, si prospettano riduzioni di personale così consistenti”, dice una nota del gruppo consiliare.

“Chiediamo delle risposte immediate da parte aziendale – dicono – per quanto riguarda le motivazioni di quanto sopra, soprattutto da cosa sono determinate, se da fatti contingenti e transitori, da contrazioni di mercato, problemi produttivi o cos’altro. Al Sindaco e all’amministrazione tutta che si faccia promotore di un incontro con i vertici della multinazionale, aperto a tutti gruppi Consigliari per esser informati quanto prima.

Purtroppo – dice sempre Tpn – anche da un’altra Aazienda del territorio non giungono notizie rassicuranti, cioè la GoSource di Narni scalo, dove a quanto sembra problemi di mercato stanno facendo marciare gli impianti al minimo, e si prospetta una lunga fermata per il periodo natalizio del tutto imprevista. Ditte appaltatrici di servizi a quanto si apprende, hanno ridotto sensibilmente i propri organici. Anche in questo caso chiediamo un incontro quanto prima”.

 

Pin It on Pinterest