Narni-Amelia, nuovo allarme sul personale ospedaliero e black out idrico

NARNI – E’ iniziata in maniera turbolenta l’estate degli ospedali di Narni e Amelia. Torna infatti la polemica, soprattutto per Narni, sulla mancanza di perso9nale e sulla riduzione dei servizi e ad essa si aggiunge quella sulla improvvisa mancanza di acqua. La cosa è prima successa al Santa Maria dei Laici, ad Amelia, e poi ieri all’ospedale di Via Cappuccini a Narni.
Sulla vicenda è intervenuto il Sii che si è dichiarato del tutto estraneo al disservizio. “Il disagio – dice il servizio idrico in una nota – non è assolutamente legato a lavori dipesi dal soggetto gestore, che massimamente e doverosamente cura la continuità del servizio tanto più nel caso di strutture come quelle ospedaliere in cui il servizio non è interrompibile.
Ugualmente, la mancanza di acqua che si è verificata all’ospedale Santa Maria dei Laici di Amelia la scorsa settimana, non è riconducibile a lavori della SII. In entrambi i casi si tratta di interventi di manutenzione interna ai due nosocomi”.
Personale ridotto all’osso – Luca Tramini, capogruppo Cinquestelle in Consiglio comunale a Narni, denuncia nuovamente che “all’interno dell’ospedale di Narni non ci sono più i primari ed i medici iniziano a scarseggiare. Uno svuotamento sistematico e strutturato che sta pian piano coinvolgendo l’interno nosocomio: da ginecologia a radiologia, da ortopedia a chirurgia”.
Ecco il resto del comunicato: “Ambulatori ormai fermi da due anni, da prima del Covid. Non ci sono più medici, non c’è più un primario, non ci sono OSS, non ci sono infermieri. Organici Medici, Oss, UOC, siamo passati in alcuni reparti da sei a tre medici, riduzioni del 50% che a fine anno rischiano di aumentare. Come può funzionare un intero reparto con solo due medici quando ce ne vorrebbero sei?
Quanti ambulatori sono stati chiusi? Quanti ambulatori che annualmente facevano ben oltre le 1000 prestazioni passati a zero, già prima del covid? Dove dovrebbero andare le persone a curarsi? A Foligno, a Perugia o direttamente nelle cliniche private? Ricordiamoci che ad oggi I reparti stanno andando avanti grazie solamente alla professionalità e all’enorme spirito di servizio che da sempre contraddistingue i nostri sanitari. basti ricordare l’eccellenza del punto nascita.
Attività che erano importantissime per tutta la provincia di Terni e non solo per il comprensorio Narnese-Amerino. Ambulatori fondamentali che non hanno più personale e faticano a funzionare. Una struttura di eccellenza come quella di Narni, famosa per l’area materno e infantile, completamente smembrata, smontata pezzo per pezzo, come pure la chirurgia e ortopedia che hanno dovuto ridurre parte degli interventi per la mancanza di guardia anesteziolovoca 24/h. Una situazione che nasce da una chiara volontà politica. Basta vedere quanti medici di ginecologia ci sono negli ospedali di Terni-Narni-Amelia e quanti nel comprensorio di Foligno e Spoleto.
E’ cambiato il colore politico ma il metodo è sempre lo stesso: smembrare la provincia di Terni per ingrossare la zona nord dell’Umbria. Di diverso c’è solo l’aggiunta del privato. Servono medici e operatori sanitari. Ma serve soprattutto che la città si schieri compatta a difesa del proprio ospedale, per ridare dignità ad una struttura che era un’eccellenza regionale.
E per il bene di un territorio che continua ad essere sistematicamente lasciato come fanalino di coda. Non siamo più cittadini di serie B, ormai siamo cittadini di serie Z”. Stesso problema viene evidenziato direttamente dal personale medico per il Santa Maria di Laici dove la situazione non è certo migliore di quella i Narni.

Pin It on Pinterest