Narni, Anas mette a posto il ponticello a Taizzano: Sui lavori è scontro politico

NARNI – Partiranno dopo ferragosto i lavori di rifacimento del ponticello sulla Tiberina a Taizzano. L’Anas ha infatti deciso di iniziare il cantiere, e finirlo entro l’estate, per rimettere in sicurezza il tratto di strada, eliminare il semaforo e mettere fine alle polemiche che sono iniziate proprio all’indomani dle restringimento della carreggiata. Ma sull’intervento c’è anche uno scontro politico. Ieri, 6 agosto, su un sito locale era comparsa una dichiarazione dell’assessore regionale Melasecche che sottolineava il suo impegno per convincere Anas a fare i lavori (“Mi sono interessato personalmente presso la dirigenza regionale dell’Anas che ha spiegato le ragioni del ritardo con le vicissitudini dovute ai rapporti con l’impresa il cui contratto si è dovuto rescindere”). Stamattina è arrivata pronta la replica del sindaco Francesco de Rebotti. Nel suo post sul proprio profilo facebook, pur non citando mai l’assessore, dice la sua su tutta la questione. Sono due anno e mezzo che corro dietro a tutti per i lavori al ponticello di Taizzano dove c’è il celeberrimo semaforo.

“La realtà, la verità – scrive de Rebotti – è che grazie alla vicenda del viadotto di Montoro ho potuto far riemergere la questione nei confronti di Anas in tutta la sua ridicola evoluzione.
E siccome anche la 3ter di Taizzano era oggetto di un passaggio smisurato di Tir, Anas ha compreso la necessità di chiudere con questo intervento che, mi è stato confermato, partirà dopo Ferragosto. Ora bisogna portare a compimento anche la procedura per le rotonde di ingresso a Ponte San Lorenzo, Ponte Sanguinaro e la messa in sicurezza del tratto di Ponte Aia con le protezioni lungo la strada. Sono francamente stanco e un po’ incazzato nell’ascoltare, dopo due anni e mezzo, le parole di giubilo di chi non sapeva neanche dove fosse Taizzano e dove passasse la 3ter, tanto meno dove fosse il semaforo ormai diventato arredo urbano. Dopo due anni e mezzo il silenzio sarebbe stato più dignitoso”.

Pin It on Pinterest