Narni, covid-19, il, “caso” dei guariti, De Rebotti: “Le comunicazioni arrivino subito anche al Comune”

NARNI – Quattordici nuovi positivi ma sette guarigioni ufficiali, più quelle in attesa di ufficializzazione è il nuovo bollettino narese sul fronte covid. Un fronte sul quale il sindaco, Francesco De Rebotti, ha lanciato ieri, 29 ottobre, un appello affinché le comunicazioni di guarigione arrivino tempestivamente anche al Comune. “Ho proposto alla Regione – spiega infatti De Rebotti – di adottare il sistema più rapido possibile per comunicare l’avvenuta guarigione attraverso un invio diretto anche al comune oltre che al cittadino interessato del referto di negatività al tampone.

Le persone hanno infatti anche diritto ad essere messe nelle condizioni di tornare a lavoro, a scuola, ai loro impegni appena verificata la guarigione e non dopo giorni di inutile attesa a casa”. La situazione è quindi di 109 casi di positività di cui 3 residenti fuori regione ma domiciliati a Narni. Risultano inoltre ospedalizzati cinque cittadini narnesi.

La maggior parte dei nuovi casi, riferisce sempre il sindaco, continua ad essere legata ai cluster familiari esistenti ed a quelli di nuova formazione. “Dal mio approfondimento – specifica De Rebotti – abbiamo 27 cluster familiari a cui sono riconducibili 60 casi di positività. Invariato il cluster scuola di 13 casi e aumentato di tre casi quello dell’ambito sanitario che passa da 9 a 12 casi, riconducibili a quest’ultimo ambito. Si stanno effettuando un numero considerevole di tamponi, rapportato all’aumento dei casi delle ultime settimane e ripeto che il miglior vaccino continuiamo ad essere noi con i nostri comportamenti”.

Pin It on Pinterest