Narni, positivi sopra 200, nuova ordinanza della Regione Umbria

NARNI – Supera la quota di 200 il numero ci casi positivi a Narni nella seconda ondata. Il computo è infatti di 214 in virtù di 19 nuovi positivi e sei guariti- Sedici persone sono ospedalizzate e di queste 4 sono in terapia intensiva. C’è stato un decesso. Sono ancora 46 i cluster familiari a cui sono riconducibili 106 casi di positività, che comprendono diversi dei casi più critici, fermi invece a 2 al momento i casi a scuola e 5 quelli riconducibili a cluster sanitario. I dati sono forniti dal sindaco Francesco De Rebotti su informazioni ufficiali dell’Usl2.
Nuova ordinanza della Tesei fino al 22 novembre – E’ stata firmata dalla Presidente della Regione, Donatella Tesei, un’ordinanza in vigore sino al 22 novembre che proroga alcune restrizioni già in essere che si sommano a quanto previsto dal Dpcm. Tra queste è confermata la didattica a distanza per le scuole secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie. Si proroga la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali di vicinato, medie e grandi strutture di vendita al dettaglio, alimentare e non alimentare, ad esclusione delle farmacie, parafarmacie, edicole, tabaccherie e rivendite di generi di monopolio.
E’ fatto inoltre divieto dell’esercizio domenicale di ogni attività commerciale esercitata su aree pubbliche. Sono sospese tutte le attività realizzate in presenza in spazi aperti o in luoghi chiusi da associazioni e circoli ricreativi e culturali, centri di aggregazione sociale, università del tempo libero e della terza età. Sono vietati per il medesimo periodo i giochi da tavolo, delle carte, biliardo, bocce effettuati nei centri e circoli sportivi pubblici e privati.
Sospese anche tutte le attività di gare e competizioni riconosciute di interesse regionale, provinciale o locale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, in relazione agli sport di squadra e di contatto e svolti dalle associazioni e società dilettantistiche.
È sospeso per il medesimo periodo, limitatamente agli atleti di età inferiore ai 18 anni che militano nelle società e nelle associazioni dilettantistiche e amatoriali degli sport di squadra e di contatto, lo svolgimento degli allenamenti e preparazione atletica anche in forma individuale. È altresì precluso per tutti l’uso delle parti comuni nonché degli spogliatoi.

Pin It on Pinterest