Narni, rifiuti, Tramini (M5S) critica Auri: “I comuni tornino a gestire i territori”

NARNI -“E’ ora che i comuni tornino a gestire il proprio territorio e ad amministrare la città. Senza essere semplici passacarte e parafulmine di ogni inefficienza degli enti superiori”. A dirlo è il capogruppo Cinquestelle in Consiglio comunale Luca Tramini che in un comunicato paventa l’aumento della tariffa rifiuti e critica l’Auri.

Ecco il comunicato diffuso da Tramini: “Aumenti, confusione e preoccupazione. Tolta la maschera della tariffa puntuale, resta soltanto il notevole rincaro della tassa sui rifiuti. Ecco il grande bluff che l’Auri sta facendo con il nuovo regolamento Taric.

Riunioni su riunioni con dirigenti e vertici dell’Auri e poi quello che arriva in consiglio comunale è una proposta che presenta più incertezze che innovazioni. Incontri in cui i dirigenti non avevano ancora bozze definitive a margine della votazione, funzionari che non sembravano avere le idee molto chiare, mancanza di una linea chiara e definitiva. Inevitabile alla luce della mancanza ormai dal 2016 di un piano regionale dei rifiuti.

La giunta regionale della presidente Donatella Tesei aveva promesso di cambiare la gestione ma dopo due anni gli errori sono sempre gli stessi.  Narni uno dei comuni più virtuosi dal punto di vista della raccolta oggi sta pagando la mala gestione dell’Auri con l’aumento delle tariffe.

E l’Asm ad oggi restituisce ai cittadini un servizio che lascia nettamente a desiderare. Da anni il Movimento 5 Stelle si batte con proposte ed emendamenti in Commissione per una gestione regionale con una multiutility completamente in house. Le soluzioni ci sono”.

Pin It on Pinterest