Narni, sanità nel mirino Cinquestelle: “Il covid rischia di far tramontare il nuovo ospedale”

NARNI – Il M5S teme che la conseguenza peggiore del covid la stia per subire l’ospedale cittadino. In un comunicato infatti il capogruppo Luca Tramini si rivolge Eleonora Pace, consigliera regionale e comunale di Fratelli d’Italia e presidente della commissione regionale sanità. “Vorremmo avere qualche risposta chiara e rassicurante sul futuro degli ospedali del nostro territorio, della sua casa – dice Tramini – anche perché ad oggi un territorio di quasi 80mila persone è completamente abbandonato, senza presidi ospedalieri che si possano definire tali e con la paura che giorno dopo giorno si smantelli la sanità pubblica per favorire quella privata, in pieno stile leghista”.

Nel comunicato Tramini accusa la nuova giunta regionale. “Arriva la giunta del cambiamento ma nel sud dell’Umbria non cambia nulla – attacca Tramini – prima l’assessore Coletto che parla di ripensamenti, revisioni, riprogettazione poi la Asl che sottovoce dice “i fondi forse non ci sono più” e con questa pandemia la paura che sia arrivata “la scusa” per mettere una pietra tombale per il nostro “nuovo” ospedale si fa ogni giorno più solida.

Intanto in tutto questo silenzio – accusa – gli ospedali di Narni ed Amelia sono prima stati chiusi durante l’emergenza Covid, poi ad oggi semi-chiusi mentre le altre realtà ospedaliere del Nord dell’Umbria già sono ripartite quasi a pieno regime, anche con i servizi ambulatoriali, invece per colpa o per dolo a Narni ed Amelia ancora non si riesce ad intravedere la luce”.

Pin It on Pinterest