Narni, Sant’Agostino prova di nuovo a diventare orto urbano

NARNI – L’idea dell’orto urbano a Sant’Agostino prova a ripartire. Dopo l’inizio e poi lo stop di un pai9o di anni fa, adesso il progetto viene rilanciato da Comune e AICu, l’associazione italiana dei curatori di parchi che già aveva iniziato a collaborare all’epoca dell’assessorato di Gianni Giombolini, nel primo De Rebotti. L’inizio fu molto confortante ma poi nel terreno che si trova al centro del chiostro, restaurato proprio un paio di anni fa, non sorse nulla. Proprio l’orto urbano di Sant’Agostino sarà uno dei temi principali del convegno dal titolo “La Giornata del curatore”, la cui ottava edizione si terrà a Narni a Palazzo dei Priori sabato 10 novembre. L’orto urbano del Sant’Agostino sarà presentato da Gerardo Fernandenz Medina dell’Associazione italiana Curatori di parchi (AICu) che organizza l’evento narnese, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Terni, la Federazione Regionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali dell’Umbria ed il Comune di Narni.

Proprio agli orti urbani è dedicata l’ottava sessione nella quale si evidenzieranno le funzioni di motore di rivitalizzazione e valorizzazione dei nuclei urbani dai centri storici alle periferie e la capacità di erogare servizi ecosistemici e momenti di socializzazione utili all’intera collettività. “Obiettivo dell’incontro – spiegano infatti gli organizzatori – è infatti quello di confrontare diverse esperienze sul tema per uno scambio di buone pratiche ed arrivare nel concreto alla presentazione di un Modello di gestione sostenibile e partecipata degli Orti urbani comuni”. Ad introdurre gli argomenti saranno Paolo Camilletti, presidente AICu, Università Roma Tre e gli assessori comunali Lorenzo Lucarelli e Alfonso Morelli. I relatori saranno invece Aldo Ranfa, dell’Università di Perugia, Vincenzo Cavallo, vice sindaco di Ostuni, Giacomo Lepri, Gianni Giombolini e Luca Crotti di AICu.

Pin It on Pinterest