Amelia, accordo con la Bnl: Il Teatro sociale è salvo, stop alla raccolta fondi

AMELIA – Con un accordo transattivo fra la Società Teatrale e la Bnl, la vendita all’asta del Teatro sociale è stata scongiurata. Il provvedimento è del Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Terni, su istanza della stessa banca. L’accordo prevede il versamento, a saldo e stralcio, di una congrua somma, garantita dall’ingresso di nuovi componenti nella compagine sociale, e comporta la chiusura della procedura in corso, nonché la liberazione dei soci fideiussori.

Il giudice ha quindi sospeso la procedura esecutiva nei confronti del Teatro Sociale dando atto delle intese intercorse tra la Società Teatrale, proprietaria dello storico edificio, e la Bnl, che poggiava sulla mancata prosecuzione del pagamento delle rate di un mutuo, a causa della defezione di diversi soci.

L’accordo, sulla base del quale la competente direzione della Bnl ha richiesto al Giudice dell’Esecuzione, tramite i propri legali, di interrompere l’esecuzione immobiliare, si sostanzia nella ricostituzione della compagine sociale dell’associazione, oggi ridotta della metà rispetto alle originarie 50 quote.

Grazie all’ingresso di questo nuovo gruppo saranno versate nei prossimi giorni la somma di 250mila euro all’atto della stipulazione dell’accordo, con l’adesione formale da parte di Bnl-Paribas, nonché l’ulteriore somma di 80mila e 500 euro entro il 15 settembre.

“Non ci sarà più perciò alcuna asta – spiega la Società teatrale – e la Società stessa, rafforzata nella sua composizione, riprenderà con nuovo slancio e con criteri gestionali innovativi la sua funzione artistico-culturale”.

Il presidente dell’associazione, che ha avuto dal consiglio direttivo il mandato a formalizzare l’accordo con la sua sottoscrizione, esprime da un lato il suo ringraziamento a tutti coloro che, con messaggi e telefonate, si felicitano per la positiva conclusione dell’annosa vicenda, ma tiene d’altro lato a manifestare anche il più vivo apprezzamento, sia il proprio che quello del consiglio, per lo slancio con cui larghi strati della popolazione hanno manifestato la loro adesione al tentativo di assicurare, anche con altre iniziative, un positivo sviluppo della vicenda.

Conseguentemente a tutto ciò, il comitato promotore della raccolta fondi “Salviamo il Teatro di Amelia”, costituito dal Comune di Amelia, dall’Ente Palio, dalla pro loco e da un gruppo di cittadini, comunica che “preso atto dei due comunicati stampa recentemente diffusi dalla Società Teatrale  e vista l’ipotesi ivi prospettata di un accordo oneroso con la banca creditrice da perfezionarsi a breve, ha deliberato di sospendere temporaneamente la raccolta dei fondi, riservandosi di riprenderla qualora l’accordo tra la Società Teatrale e la banca restasse inadempiuto e venisse fissata una nuova asta”. 

 

Pin It on Pinterest