Amelia, grido d’allarme del M5S sui rifiuti: “La Tari a rischio rincaro”

AMELIA – Secondo i Cinquestelle sui bilanci del Comune pende una scure da oltre 200mila euro. Tanto è infatti il calcolo fatto dal gestore del servizio in merito alla Tari. Il problema, secondo il gruppo consigliare del M5S starebbe nei numeri relativi agli utenti da servire ed inseriti nel piano d’ambito. Un problema che riguarderebbe molti comuni del territorio. “C’è infatti una netta discordanza nei conteggi degli utenti da servire effettuato dal Comune di Amelia e dal gestore del servizio e cioè Asm/Cosp Tecnoservice – dicono Romano Banella e Gianfranco Chieruzzi.

“Il gestore – spiegano – riscontra ben 1202 utenze in più da servire, rispetto agli elenchi inseriti nel Piano d’Ambito al momento della stesura del contratto. Il gestore stesso ha prontamente segnalato l’anomalia ai comuni dell’Ati 4, tutti o quasi per altro in errore e presentato il conto ai Comuni. Per questa ragione la Tari dei cittadini amerini, già esosa in partenza, rischia di rincarare ancora di più. Abbiamo fatto un’interrogazione ma l’assessore non ha ancora risposta, il timore è che anche l’amministrazione e gli uffici brancolino nel buio ma nel caso in cui fosse accertato il torto da parte del Comune di Amelia, chi ne pagherà le conseguenze?”.

 

Pin It on Pinterest