Alessandrini (Lega): “Alunni disabili in classe con i compagni per favorire inclusione”

“Gli alunni con disabilità potranno continuare a svolgere lezioni in presenza, ma non saranno soli. Bene i chiarimenti del Ministero dell’Istruzione in tal senso”. L’intervento è del Senatore Valeria Alessandrini, responsabile dipartimento istruzione Lega Umbria.

“Nelle regioni dove è stabilita la chiusura delle scuole e nel pieno rispetto delle misure di sicurezza vigenti – prosegue – sarà possibile prevedere in aula la presenza, non solo dell’insegnante di sostegno e del docente curricolare, ma anche di un gruppo ristretto di compagni. Tale misura è stata intrapresa allo scopo di garantire la socializzazione e favorire l’integrazione degli alunni disabili in un contesto di emergenza come quello attuale. Non c’è dubbio che la pandemia ha avuto un impatto negativo sul mondo della scuola e ne ha messo a nudo i punti deboli. Dai ritardi sulla digitalizzazione, alle carenze strutturali, fino alle annose problematiche sulla mancanza di personale docente, correlata ad una tardiva, se non totalmente assente, formazione alla DAD.

È nostro compito intervenire. La tutela della salute fisica degli alunni deve essere la priorità, ora e sempre, ma dobbiamo guardare con attenzione anche al benessere psichico e al livello di scolarizzazione per non ritrovarci a dover pagare in futuro gli effetti indiretti della pandemia. In particolare, gli alunni con disabilità sono tra quelli che hanno sofferto più di altri la didattica a distanza e quindi il peso dell’isolamento dovuto alle restrizioni di sicurezza.

La didattica in presenza per gli alunni più fragili e con disabilità, che hanno bisogni educativi speciali, va nella direzione auspicata di garantire un percorso di inclusione con il coinvolgimento in totale sicurezza di alcuni compagni di classe e attraverso la definizione di metodi autonomamente stabiliti circa la rotazione degli alunni. Prioritario prevedere misure a tutela del personale docente, sia di sostegno che curricolare, coinvolti nella didattica in presenza”.

 

Pin It on Pinterest