Amelia, salta il regolamento contro il gioco d’azzardo, protesta congiunta Chieruzzi (M5S)-Dionisi (Pd)

AMELIA – Dire che si è di fronte ad un nuovo asse Pd-M5S ad Amelia è forse troppo, però sulla lotta alla ludopatia, fatti alla mano, un asse c’è. Lo conferma il comunicato congiunto di Gianfranco Chieruzzi, capogruppo Cinquestelle, e Claudia Dionisi, Pd, presidente della Prima commissione consiliare.

I due attaccano il Consiglio, il sindaco e la maggioranza per la mancata approvazione del regolamento contro il gioco d’azzardo. “Eravamo pronti ad applaudire al buon lavoro fatto in prima commissione – dicono nella nota congiunta Chieruzzi e Dionisi -e, invece, anche stavolta, ci resta solo molta delusione”. Gianfranco Chieruzzi e Claudia Dionisi commentano così la mancata presentazione del regolamento contro il gioco d’azzardo lecito.

 Il primo agosto scorso – ricordano i due consiglieri – presso la Sala Conti Paladini, è stata organizzata, alla presenza della Comunità Incontro, la presentazione del testo – non ancora approvato dal Consiglio Comunale – ma pronto, prima del voto, ad essere illustrato agli esercenti. Nulla da fare. Nella sala non c’era nessuno. Neppure il Sindaco che pure aveva voluto lo scomodo orario”.

“Un segnale negativo che va a svilire e vanificare l’impegno e la serietà di un anno di lavoro della Commissione – commenta la presidente della Prima – che ha lavorato in modo congiunto, come una vera squadra, senza differenze politiche, ma solamente attenta a dare un messaggio importante ad un problema culturale, educativo e sociale, sempre più diffuso e trasversale.”

La domanda, dopo giorni in cui chiediamo chiarimenti e riceviamo solo silenzi è: Sono stati realmente invitati gli esercenti? Le mail inviate sono arrivate tutte a destinazione? Il Sindaco aveva letto il testo che avrebbe dovuto presentare? Dubbi che ci lasciano grandi punti interrogativi.

Siamo molto amareggiati. Ci dispiace per la Comunità Incontro presente alla presentazione e la ringraziamo per essere sempre in prima linea per le battaglia di civiltà. Un grazie va alla Commissione per il lavoro, lo studio e l’approfondimento svolto alla ludopatia, tema allarmante e che interessa sempre più le giovani generazioni. Quanto tempo ancora dovrà passare prima di vedere realizzato il nostro lavoro?”

 

Pin It on Pinterest