Calcio / Super Narnese, Quondam da leggenda: Battuta la capolista Foligno

NARNI – Una Narnese sfavillante e un Quondam da leggenda battono la capolista Foligno (2-1) rinviando la festa promozione dei falchetti grazie ad una prestazione di alto livello, soprattutto nella ripresa, nella quale i rossoblù hanno fatto prevalere la propria superiorità su tutti i fronti. E’ gioia grande al “Gubbiotti” con la squadra di mister Sabatini che oltre a prendersi una bella soddisfazione, da un senso concreto a questo finale di campionato.

Per la squadra del presidente Garofoli è la nona vittoria in campionato, la settima tra le mura amiche, 37 punti in classifica. Per gli ospiti festa promozione rinviata di una settimana quando i falchetti ospiteranno tra le mura amiche l’Angelana.

La cronaca. Mister Sabatini, per contrastare la capolista, schiera un 4-3-3 con Raggi, Rocchi e Quondam a comporre il trio d’attacco. Nemmeno il tempo di studiarsi che al 3’ gli ospiti passano subito in vantaggio. Calcio d’angolo dalla sinistra di Pettinelli, Fondi irrompe in aerea di rigore prendendo l’ascensore e anticipando di netto i propri avversari.

Colpo di testa che batte l’incolpevole Cunzi sul primo palo. Partita subito in salita per i padroni di casa che all’8’ replicano immediatamente con Vastola. Tiro dai venti metri ma conclusione alta sopra la traversa.

All’11’ angolo dalla destra di Peluso, stavolta è Francioni a staccare di testa sul primo palo, Cunzi respinge d’istinto, la palla arriva a Zanchi che prova il tapin vincente ma l’estremo rossoblu è ancora prodigioso respingendo di piede.

La partita è viva e rispetta i pronostici della vigilia. Al 18’ angolo dalla sinistra di Vastola, Quondam sul secondo palo stacca benissimo indisturbato ma la mira è imprecisa e la palla termina alta sopra la traversa.

Al 37’ Peluso in verticale per Gjnaj in area di rigore, destro secco che termina a lato. Nell’ultimo secondo del primo tempo la Narnese giunge al pari. E’ Quondam che batte Meniconi da 30 metri. Portiere ospite non esente da responsabilità ma la traiettoria a giro ad aggirare la barriera è geniale. Finisce qua un primo tempo combattuto e ben giocato dalle due compagini.         

La prima emozione della ripresa la regala al 5’ Gjnaj con una botta di sinistro defilato all’interno dell’aerea, Cunzi respinge con i pugni. Al 12’ la Narnese replica con Raggi che di testa fa da sponda per il neo entrato Bellini che spara di sinistro, palla alta. Al 14’ episodio dubbio nell’area di rigore dei falchetti per un presunto fallo di mano da parte di un giocatore biancoazzurro, per il fischietto di Città di Castello non c’è nulla.

La Narnese insiste e al 23’ passa in vantaggio. Cross pennellato dalla sinistra di Raggi per l’accorrente Quondam che sul secondo palo è abile a staccare con il terzo tempo anticipando Meniconi che nel frattempo era uscito alla disperata, e con un lob realizza la doppietta personale e il suo dodicesimo gol stagionale. Delirio al “Gubbiotti” che si esalta per la prestazione dei rossoblu, molto più pimpanti e determinati della capolista, parsa in bambola per l’aggressività dei padroni di casa.

Non succede più nulla fino al termine della gara e dopo ben sette minuti di recupero concessi dal fischietto di Città di Castello. Termina così una partita entusiasmante nella quale la Narnese ha tenuto botta, senza disunirsi dopo il gol subito a freddo e con intelligenza tattica l’ha ribaltata senza mai soffrire nella ripresa gli attacchi degli ospiti.

Un successo che dà un senso all’intera stagione che vale per il prestigio e per la classifica e che ripaga gli oltre 300 spettatori accorsi al San Girolamo richiamati dai supporter che peer tutta la settimana hanno sparso il tam tam in città. Chissà, vien da chiedersi, se al Gubbiotti ci fosse sempre tanto pubblico come potrebbero cambiare le cose per i ragazzi di Garofoli e Gambini.

Ultima annotazione e altro chissà: Chissà se Sabatini ci fosse stato sin dall’inizio come sarebbe stata oggi la classifica dei rossoblù e chissà, infine, se un giorno le numerose grandi aziende del territorio decidessero di spostare sulla Narnese un piccolo, per loro, budget dei bilanci milionari, come sarebbero i campionati a Narni?    

NARNESE – FOLIGNO 2-1

NARNESE: Cunzi 7, Kola 6 (10’ s.t. Kerjota 6.5), Tiberti 6, Silveri 7, Ponti 6, Angeluzzi s.v. (5’ p.t. Consolini 6), Petrini 6, Raggi 6, Quondam 8 (29’ s.t. Grifoni N. s.v.), Rocchi 6 (10’ s.t. Bellini 6), Vastola 6.5. All. Sabatini 6

FOLIGNO: Meniconi 5, Pinsaglia 6 (31’ s.t. Ramilli s.v.), Pagliarini 6 (20’ s.t. Giabbecucci 6), Gorini 6, Petterini 6, Zanchi 6 (25’ s.t. Ciccioli s.v.), Gjnaj 6, Pettinelli 6, Francioni 6.5, Peluso 7, Fondi 7 (31’ s.t. Ventanni s.v.). All. Armillei 6

ARBITRO: Matteo Dini di Città di Castello 6

ASSISTENTI: Francesco Finori e Lorenzo Casagrande di Gubbio  

RETI: 3’ p.t. Fondi (F) 47’ p.t., 23’ s.t. Quondam (N)

AMMONITI: Tiberti, Silveri, Consolini, Raggi, Grifoni N. (N) Pagliarini, Gorini (F)

ESPULSI:/                            

Recupero: 2’ p.t.  7’ s.t.

Riccardo Costantini, Mass.Cin.

Pin It on Pinterest