Foibe: Narni e Amelia celebrano il Giorno del Ricordo

NARNI–AMELIA – Narni e Amelia celebrano il Giorno del Ricordo con una serie di iniziative. A Narni è fissata per il 10 febbraio alle 9 e 30, allo scalo, la cerimonia di deposizione, da parte dell’amministrazione e del Consiglio comunale, di una corona in Via Norma Cossetto, intitolata alla memoria della giovane infoibata divenuta simbolo delle Foibe e del Giorno del Ricordo.

Norma Cossetto fu arrestata e detenuta per alcuni giorni in una scuola adattata a carcere. Lì fu stuprata e seviziata prima di essere gettata insieme ad altre persone nelle Foibe. Il cadavere fu estratto a Villa Surani il 10 dicembre del 1943 insieme ad altri corpi. Per la sua giovinezza e per la storia tragica ricostruita dai racconti di parenti e testimoni, la sua vicenda è diventata un simbolo. In memoria della studentessa nacque nel 1944 a Trieste il Gruppo d’Azione Femminile “Norma Cossetto”, l’unico reparto paramilitare fascista femminile della Rsi, alle dirette dipendenze del Partito fascista repubblicano. L’allora rettore dell’Università di Padova, Concetto Marchesi, e il consiglio della facoltà di Lettere e Filosofia, proposero la laurea ad honorem per Norma Cossetto che le fu conferita nel 1949. A Narni dal 2011 c’è una targa in sua memoria. Amelia – Ad Amelia invece saranno illuminate con il tricolore, l’8 febbraio, le mura ciclopiche. Ne dà notizia il sindaco, Laura Pernazza, che parteciperà all’iniziativa in programma, sempre l’8, al teatro Sociale sulle Foibe e l’esodo dalmata. Saranno presenti Toni Concina, esule della Dalmazia, il giornalista Marco Petrelli e il direttore generale dell’Università Popolare di Trieste, Fabrizio Somma. Moderatore sarà Giampaolo Rossi del Cda della Rai.

Pin It on Pinterest