Narni, al teatro Manini “L’inizio del buio” di Walter Veltroni, diretto da Peppino Mazzotta

NARNI – È “L’Inizio del Buio”, di Walter Veltroni, diretto da Peppino Mazzotta e adattato per il teatro da Sara Valerio, lo spettacolo in arrivo sabato 18 dicembre 2021 alle ore 21.00, al Teatro Manini di Narni. Sul palco s’incontrano due storie fortemente radicate nella memoria degli italiani, che, caso ha voluto, si siano svolte negli stessi giorni, quaranta anni fa, quella di Alfredino Rampi e quella di Roberto Peci. La mano di Veltroni guida un racconto emozionante e coinvolgente a due voci, rappresentato dagli attori Giancarlo Fares e Sara Valerio.

L’Inizio del buio chiede al pubblico di riflettere sull’ingresso prepotente nelle nostre vite della televisione. Lo spettacolo ripercorre i momenti delle due storie, con la volontà di risvegliare la memoria emotiva collettiva e trarre insegnamenti dall’esperienza comune: un’occasione per emozionarsi e riflettere condividendo, essenza primaria del fare teatro.

Alfredino Rampi l’11 giugno del 1981, a soli sei anni precipita in un pozzo e i suoi saranno tre lunghi giorni di agonia in diretta tv, prima di morire. In quelle stesse ore Roberto Peci viene sequestrato dalle BR, processato e condannato perché colpevole di essere il fratello del primo pentito brigatista. Prigionia ed esecuzione sono scrupolosamente documentati, con filmati e fotografie fatte dai suoi assassini.

Una diretta televisiva di tre giorni racconta i tentativi di salvataggio del piccolo Alfredo e il circo mediatico che l’evento genera. Cinquantaquattro giorni di prigionia documentati da fotografie e filmati. Due innocenti sotto l’occhio della telecamera. Due pubbliche solitudini date in pasto al pubblico. La televisione si trasforma e modifica il linguaggio con cui dialoga con gli italiani chiusi ognuno nella propria casa.

Pin It on Pinterest