Narni, alloggi popolari, Bruschini (FI): “L’amministrazione comunale risolva l’emergenza abitativa”

NARNI – Quello degli alloggi popolari è un argomento spesso al centro delle cronache nazionali. Anche Narni però non sfugge a questa tendenza, come dimostra la polemica sollevata da Sergio Bruschini, capo del gruppo consiliare di Forza Italia. Secondo l’esponente del centrodestra, sarebbe infatti terminato senza sviluppi positivi il bando relativo al rinnovo della graduatoria per l’assegnazione degli alloggi popolari. Sarebbero 70 le famiglie in attesa di una sistemazione: dato, secondo Bruschini, significativo, poiché segnala un aumento delle famiglie in lista.

A bloccare l’assegnazione non sarebbe però un’assenza di strutture utilizzabili: secondo quanto affermato dal consigliere comunale, le responsabilità sarebbero da attribuire “alla burocrazia e alla mancanza di concretezza da parte della nostra amministrazione e di ATER”, Azienda territoriale per l’Edilizia Residenziale ella Regione Umbria. Stando a quanto specificato da Bruschini, sarebbero infatti 25 gli alloggi disponibili, di cui sei di proprietà comunale, situati in località santa Margherita e santa Restituta. Altri 15, dislocati tra via della Doga a Narni Scalo e la frazione di Testaccio, sarebbero invece di proprietà ATER.

Secondo la ricostruzione di Bruschini, l’assenza di una soluzione sarebbe dovuta a un attrito tra amministrazione comunale e ATER a proposito della manutenzione ordinaria e straordinaria che è necessario garantire agli alloggi prima di procedere alla loro assegnazione. Nonostante sia solitamente previsto che entrambi gli organi contribuiscano alle spese, attraverso una convenzione unilaterale, ATER ha recentemente stabilito di far ricadere l’intero importo sulle casse comunali. Il Comune ha risposto non sottoscrivendo tale convenzione, paralizzando quindi la procedura di assegnazione.

“Tutto rimane quindi bloccato ed ormai sono anni che questo impasse impedisce ai cittadini di poter avere una casa”, ha denunciato il capogruppo di Forza Italia. Bruschini ha poi proposto che “al fine di superare l’emergenza abitativa, sia temporaneamente l’amministrazione comunale a farsi carico della spesa totale”, perché – ha concluso il consigliere – “non possono essere le famiglie in emergenza abitativa a pagare questo stato di male amministrazione”.

Lorenzo Di Anselmo

Pin It on Pinterest