Narni, Narni Sotterranea arriva a Venezia: ricostruita una stanza che verrà esposta in una mostra

NARNI – La valorizzazione del patrimonio culturale narnese si arricchisce di un altro prestigioso tassello. A partire dal prossimo 31 marzo, infatti, la ricostruzione di una delle stanze simbolo dei sotterranei di Narni sarà esposta a Venezia, in occasione di “Venice Secrets: Crime and Justice”. Si tratta di un’importante mostra sul crimine, la giustizia e la pena di morte nella Repubblica di Venezia, ospitata al Palazzo Zaguri, vicino Piazza San Marco, cuore del turismo veneziano.

Una mostra imperdibile, ricca di sorprese per gli amanti della storia e i curiosi di ogni tipo. E Narni sarà presente, in collaborazione con la Regione Umbria, mostrando così le proprie ricchezze in un contesto in grado di valorizzarle a pieno. La stanza in questione è la “Stanza dei Tormenti”, una prigione del tribunale dell’Inquisizione dove, nel 1759, fu detenuto Giuseppe Andrea Lombardini, il quale riempì le pareti della stanza con graffiti di ispirazione massonica e alchemica che, a distanza di secoli, continuano ancora a esercitare fascino e interesse.

Quello presente nel sottosuolo narnese è l’unico esempio in tutta Italia di una cella del genere, conservata perfettamente e dunque ancora capace di far rivivere le atmosfere di quell’epoca remota. L’esposizione di Venezia ospiterà una fedele ricostruzione della prigione narnese, con pareti realizzate a grandezza naturale e pannelli didascalici in grado di fornire spiegazioni e descrizioni.

L’assessore al turismo Lorenzo Lucarelli non nasconde la soddisfazione per questa mostra che vedrà protagonista Narni e suoi tesori. “Di sicuro – ha dichiarato l’assessore – una stupenda vetrina che premia l’impegno e la costanza dei volontari dell’associazione culturale Subterranea che da quasi 25 anni gestiscono, curano e valorizzano le preziose testimonianze presenti nel sottosuolo narnese”.

Oltre cinque secoli più tardi, questa occasione rinsalda un rapporto tra Narni e Venezia che ha antiche radici storiche. Come ha ricordato lo stesso assessore, infatti, il celebre condottiero narnese Gattamelata fu al servizio della Repubblica di Venezia nel XV secolo. Qui ottenne importanti successi militari, al punto da essere insignito dal Doge delle maggiori onorificenze per il suo impegno e la fedeltà mostrata.

Lorenzo Di Anselmo

 

 

Pin It on Pinterest