Narni, punto di primo soccorso, il Psi chiede garanzie sulla riapertura

NARNI – “Riaprire il punto di primo soccorso, fornendo garnzie su tempi brevi e riavvio di tutte le funzioni. Lo chiede il gruppo consiliare del Partito socialisti che in una mozione sprona il Consiglio comunale  la giunta ad attivarsi per ripristinare la situazione pre covid e scongiurare una chiusura definitiva.
Ecco cos sostiene il gruppo nella mozione: “Da tre mesi tutti cittadini dell’intero comprensorio narnese-amerino che necessitano di tali prestazioni sono costretti a rivolgersi al Pronto Soccorso del Senta Maria di Terni o a quello di Orvieto. L’aggravio di accessi al Pronto Soccorso di Terni, già oberato di suo, è stato assai notevole in questo periodo ed il disagio cui sono sottoposti i cittadini è assai notevole, sia in termini di distanza che, soprattutto, di attese e disservizi.
Analoga sorte è toccata ai servizi ambulatoriali. Se tali provvedimenti erano necessari in piena epidemia, oggi che i nostri dati epidemiologici registrano da giorni zero contagi, che sono state disposte le riaperture di tutte le attività, è assurdo che siano mantenuti in vigore. Eppure tali servizi non sono ancora stati ripristinati.
Al contrario, da qualche giorno, sono comparsi su alcune testate di informazione locale articoli che lasciano presagire una chiusura dei punti di primo soccorso fino al 31/12/20 o, addirittura, una loro soppressione. La chiusura anche di questo servizio sarebbe l’ennesimo tassello di una scellerata politica di svuotamento dei servizi sanitari offerti dal nosocomio narnese che non può essere tollerata. E’ incomprensibile che la Usl Umbria 2 e la Regione non facciano chiarezza, sommando al disagio che arrecano ai cittadini l’alimentare una incertezza sul futuro dei nostri servizi territoriali che sono già stati abbastanza depauperati.

Pin It on Pinterest