Narni, tariffa puntuale: Scoppia la “grana” del commercio

NARNI –  Sulla tariffa puntuale dei rifiuti si rischia di fare figli e figliastri. E’ quello che sostiene il capogruppo di Forza Italia Sergio Bruschini che lancia l’allarme sui costi da applicare alle attività commerciali. Il problema riguarda la destinazione delle superfici, soprattutto quelle non adibito ad attività di vendita o ristorazione ma solo a magazzino o rimessa. Secondo Bruschini verranno tutte assoggettate alla tariffa puntuale senza distinzione. “I commercianti rischiano di pagare il doppio del dovuto”, sostiene.

“Proponiamo al Consiglio – dice Bruschini – che nelle more delle proposte che si faranno per approntare il nuovo regolamento sulla scorta degli indirizzi generali che si dovranno applicare con la nuova gestione della tariffa puntuale si tenga conto di questi aspetti”. Ecco la proposta: Per quanto riguarda la parte fissa riferita alle superfici si paghi una Tari corrispondente alle reali destinazioni d’uso differenziandole per tipologia e si preveda l’istituzione di un fondo sociale per le utenze più deboli come famiglie numerose o con disabili.

Pin It on Pinterest