Provincia, tornano i trasferimenti statali, Lattanzi: “Sta finendo il periodo buio”

TERNI – ll Consiglio provinciale di Terni ha approvato il piano di riequilibrio finanziario pluriennale. Il piano recepisce le nuove normative nazionali che riattivano i trasferimenti statali, in particolare per i settori della viabilità e dell’edilizia scolastica. Anche sul piano delle assunzioni vengono aperte nuove possibilità per le province al fine di rimpinguare il personale mancante a causa di pensionamenti e trasferimenti dopo la legge Delrio. “Il piano – ha commentato il presidente Lattanzi – pone fine ad un lungo periodo buio che ha caratterizzato la Provincia di Terni, così come gli altri enti italiani, chiudendo una fase molto difficile apertasi con la legge Delrio e con una mancata riforma che ha influito negativamente sul rapporto fra Provincia e cittadini.

Con le nuove previsioni cambia l’orientamento a livello nazionale con la possibilità concreta che la Provincia torni ad essere un punto di riferimento per il territorio. La mancata riforma – ha sottolineato il presidente Lattanzi – determinò grandi problemi perché sottrasse deleghe alla Provincia di Terni senza poi che la Regione fosse in grado di gestirle. Penso ai centri per l’impiego che erano un fiore all’occhiello e un modello a livello nazionale, all’ufficio vigilanza costruzioni che rendeva snelle le pratiche amministrative oggi, invece, con il passaggio in Regione, molto laboriose e lunghe, fino a 8 mesi.

Penso inoltre alla caccia e ai rapporti che la Provincia intratteneva con tutte le associazioni venatorie e con le regioni e province limitrofe per la mobilità venatoria, oppure ancora ai controlli ambientali garantiti dalla professionalità e dalla capacità operativa della polizia provinciale. Do atto – ha aggiunto il presidente – a questo consiglio provinciale e a quelli passati, nonché agli uffici dell’ente, di aver agito sempre con grande senso di responsabilità anche e soprattutto nei momenti bui nei quali si è trovata, suo malgrado, la Provincia di Terni. La richiesta adesso – ha concluso Lattanzi – è che quelle deleghe possano tornare in capo all’ente e nel frattempo noi ci stiamo impegnando per una riorganizzazione delle strutture, dei servizi e del personale che sia adeguata alle nuove esigenze”.

Tamara Grilli di provincia Libera ha chiesto l’apertura di nu tavolo politico sulla riorganizzazione dell’ente, mentre Daniele Longaroni e Federico Novelli del gruppo Democratici, riformisti e progressisti, hanno espresso soddisfazione per il cambio di direzione “che sta emergendo e che pone le basi per un nuovo ruolo dell’ente in rapporto alle esigenze dei territori e dei cittadini”.

Pin It on Pinterest