Sicurezza, patto fra sindaci e prefetto: Aumentano le telecamere

TERNI – Più videosorveglianza per aumentare la sicurezza. E’ quanto prevedono i patti firmati mercoledì 20 giugno tra il prefetto, Paolo De Biagi, e i rappresentanti di 22 Comuni della provincia. Si chiamano ‘Patti per la sicurezza’ e sono finalizzati ad implementare i servizi di videosorveglianza sul territorio.
Le intese consentiranno infatti alle amministrazioni interessate di accedere a finanziamenti statali (37 milioni di euro a livello nazionale, per il triennio 2017-2019) messi a disposizione da un decreto del ministero dell’Interno del 31 gennaio scorso. Con queste risorse potranno essere attivati nuovi impianti di videosorveglianza per prevenire e contrastare episodi di criminalità diffusa nelle aree più esposte.
Entro il prossimo 30 giugno i Comuni sottoscrittori, ma anche quelli che vorranno ulteriormente aderire, presenteranno i progetti dei sistemi di videosorveglianza, che saranno preventivamente valutati dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e successivamente inoltrati dalla prefettura, insieme all’istanza di finanziamento e all’altra documentazione prescritta, al ministero dell’Interno per essere inseriti nella graduatoria che darà titolo all’accesso ai contributi.
Oltre al capoluogo, hanno sottoscritto le intese anche i Comuni di Acquasparta, Allerona, Alviano, Amelia, Arrone, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Calvi dell’Umbria, Ferentillo, Giove, Guardea, Montecchio, Montefranco, Monteleone d’Orvieto, Narni, Orvieto, Otricoli, Porano, San Gemini, Stroncone.
“Il territorio non è in una situazione di emergenza in termini di sicurezza – ha sottolineato il prefetto in occasione della firma -, e c’è un miglioramento progressivo, anche se la percezione tra i cittadini non è omogenea. Il miglioramento del sistema di videosorveglianza contribuisce a lavorare proprio sulla percezione”.

 

Pin It on Pinterest