Terni, appalti e incertezze: Otto ore di sciopero all’Ilserv

TERNI – Otto ore di sciopero per ogni turno per tutti i lavoratori dell’Ilserv, nelle giornate di giovedì e venerdì: a proclamarle sono state le rsu della principale ditta esterna dell’Ast di Terni, al termine di una riunione convocata per fare il punto della situazione rispetto alla scadenza degli appalti interessati al recupero scorie dell’acciaieria e degli altri reparti.
I rappresentanti dei lavoratori attendono dall’Ast notizie sugli sviluppi della gestione degli appalti, che dovrebbero arrivare entro la fine della settimana. “Ricordiamo – scrivono le rsu, supportate dalle segreterie provinciali dei metalmeccanici – che è da agosto che attendiamo risposte certe e che la fine del mese è talmente vicina che il tempo degli annunci è scaduto”.
Le rsu auspicano dunque che arrivi una convocazione nelle prossime ore “per chiarire una volta per tutte la prospettiva di tali appalti”.
Già nei giorni scorsi, i lavoratori di Ilserv avevano incrociato le braccia.

Il commento di Fiorini (Lega) – Il consigliere regionale della Lega, Emanuele Fiorini, esprime “Piena 
solidarietà ai dipendenti dell’Ilserv coinvolti nella questione relativa 
agli appalti in scadenza dopo l’assegnazione del recupero scorie alla 
società Finlandese Tapojarvi-oy e che in questi giorni hanno scioperato 
per difendere il posto di lavoro. Mi auguro – prosegue Fiorini – che la 
situazione di incertezza che stanno vivendo 80 famiglie del ternano 
volga al più presto ad una soluzione che preveda il reintegro dei 
lavoratori e il prosieguo dell’attività. E’ impensabile arrivare a 
scadenza dell’appalto e non sapere quale destino attende i lavoratori. 
Nella volontà di difendere i livelli occupazionali chiediamo di 
conoscere il piano industriale e soprattutto capire quando e come la 
società finlandese subentrerà alla Ilserv. Auspico un rinnovo definitivo 
dell’appalto con un progetto serio e mi auguro non si decida per la 
proroga di alcuni mesi: soluzione tampone priva di garanzie a lungo 
termine per gli occupati”.

Pin It on Pinterest