Terni, lite fra nigeriani, 26enne in manette: Ha accoltellato il rivale

TERNI – Poteva finire in tragedia, rieditando ciò che successe al povero David Raggi pochissimi anni fa. Poteva essere un altro fatto criminale di gravissima entità se solo quel coltello di 18 centimetri di lama fosse entrato di più nel petto o se, peggio ancora, avesse colpite parti più vulnerabili. A Borgo Bovio, in Via Tre Venezie è andata in scena una lite tra africani che poteva finire molto peggio di come è finita. Che comunque non è per niente una ragazzata.

Un nigeriano di 28 anni è infatti ricoverato all’ospedale Santa Maria dove ha anche subito un intervento chirurgico per ridurre la ferita da arma da taglio per colpa di un coltellaccio che un suo connazionale di 26 anni gli ha rifilato durante una litigata furibonda vicino alla chiesa del quartierone. Il 28enne non è in pericolo di vita, il 26enne invece è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. La polizia è riuscita in breve tempo a ricostruire fatti e responsabili dell’accaduto, assicurando alla giustizia il giovane che adesso rischia grossissimo.

La questura ha spiegato tutti i particolari dell’arresto, dell’operazione e dei fatti accaduti in una conferenza stampa tenuta martedì mattina, 21 gennaio, dal pm Marco Stramaglia, dal dirigente della squadra Mobile Davide Caldarozzi e dal vice commissario Anna Maria Mancini dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico. La mobile giovedì scorso a Borgo Bovio ed aveva trovato un gruppetto di nigeriani. Uno di questi aveva una ferita lieve e tutti e tre hanno subito ammesso di aver avuto un litigio.

Gli agenti hanno accompagnato il ferito in ospedale ma questi poco dopo se n’è andato rifiutando il ricovero e le cure mediche. I poliziotti però non ci vedevano chiaro ed anzi una quarantina di minuti dopo tornavano a Borgo Bovio chiamati per un altro nigeriano che sembrava gravemente ferito ed in effetti lo era. Si trattava proprio del 28enne che una volta in ospedale, prima di essere sottoposto ad intervento chirurgico confessava la lite con il 26enne. Era stato lui, secondo la polizia, a sferrare la coltellata. Il giovane veniva raggiunto in casa ed arrestato. Le indagini però proseguono.

Pin It on Pinterest