Terni, premiato in Provincia Mario Pescante: 60 anni di attività per promuovere sport, pace e fratellanza

TERNI – Lo sport è pace fra i popoli e incontro di giovani, non c’entra con la politica ed ha la forza di unire le genti. E’ questo il messaggio che ha accompagnato l’incontro con Mario Pescante stamattina in Provincia, ricevuto nella sala del Consiglio (Sala Torquato Secci) dal presidente della Provincia, Giampiero Lattanzi, dal prefetto di Terni, Paolo De Biagi, dal vescovo di Terni, Narni e Amelia, mons. Giuseppe Piemontese, dal presidente del Coni Umbria, Domenico Ignozza, e dal presidente onorario, sempre del Coni regionale, Massimo Carignani, alla presenza del campione mondiale di scherma Alessio Foconi. In sala c’erano anche tutti i rappresentati delle federazioni sportive, anche paralimpiche, e molti delle associazioni e società, oltre ai sindaci, tra cui quelli della Valnerina ternana.

Ad aprire gli interventi e a portare i saluti a Pescante è stato il presidente Lattanzi che ha ringraziato l’attuale ambasciatore del Cio all’Onu ed ex presidente del Coni “per l’impegno costante che pone da tanti anni al servizio dello sport, veicolo di unione, di fratellanza e di diplomazia”. Nel suo intervento Pescante ha sottolineato lo “spirito silenzioso, tacito e laborioso di Terni che in questi anni ha riscosso numerosi successi a livello sportivo”. Sempre Pescante ha poi raccontato aneddoti legati alle olimpiadi di Berlino e alle vicende delle due Coree per spiegare come “la diplomazia attraverso lo sport abbia centrato alcuni obiettivi fondamentali che sono la pace e l’incontro fra i giovani ma anche – ha rimarcato con insistenza – l’unione fra i popoli e le genti. E’ grazie allo sport – ha sottolineato – che Corea del Nord e del Sud oggi dialogano. Hanno unito le loro squadre (in tre competizioni: basket femminile, canottaggio e canoa, ai recenti Giochi asiatici, ndr) sotto una bandiera bianca con l’immagine della penisola coreana”. Pescante ha poi fatto riferimento alle recenti vicende legate al Coni. “Chi vuole arrivare ora – ha affermato – deve tener conto che l’Italia è da 60 anni fra i primi 10-12 paesi al mondo sportivamente parlando ed è quindi una realtà che porta lustro e che va rispettata”.

Il prefetto De Biagi ha ringraziato Pescante “per aver seminato negli anni una cultura dello sport con tenacia e passione, cercando di imporre sempre i valori sani di uguaglianza fra le genti, di vicinanza e di socialità e scambio. Sotto questo aspetto non esiste un sport più importante dell’altro ma è un concetto unico valido per tutto il mondo”. Il vescovo ha sottolineato il valore degli oratori come “luoghi di sport per la pace e la socialità fra i giovani e quindi, in prospettiva, fra gli uomini. Occorre proteggere lo sport dall’agonismo selvaggio”. Ignozza si è invece soffermato sui recenti risultati sportivi di Terni. “Ricordo – ha detto – il canottaggio, il tiro con l’arco e i campionati europei paralimpici di scherma, tutte realtà che hanno proiettato Terni ad un livello internazionale ma occorre potenziare l’impiantistica.

Il palazzetto dello sport, per esempio, non c’è ancora e il campo scuola Casagrande non è attualmente nelle migliori condizioni. Servono più finanziamenti”. “Di valori umani e di cultura sportiva” ha infine parlato Carignani, ribadendo il concetto, espresso dal vescovo, di un ruolo fondamentale degli oratori per la crescita dello sport anche come valore sociale. Durante l’incontro i sindaci della Valnerina e le autorità presenti hanno premiato Pescante con un’opera d’arte di Ottavio Gigliotti. Una scultura con due vele che si avvicinano l’una all’altra a simboleggiare la fratellanza e la vicinanza incarnate dallo sport. A sua volta Pescante ha donato un libro che racconta il rapporto tra sport e diplomazia per la pace fra i popoli.

Pin It on Pinterest