Narni, “Rimettete il busto di Giordano Bruno davanti alla chiesa”

NARNI – La statua di Giordano Bruno deve tornare nel luogo originario e cioè davanti alla cattedrale di San Giovenale. La richiesta parte dal gruppo consigliare del Psi ed è certo che sarà destinata a suscitare polemiche e reazioni, soprattutto da parte dei cattolici. Federico Novelli e Claudio Ricci però non hanno dubbi. “Pur essendo l’atrio del palazzo comunale una sede di pregio – dicono i due – ricollocarlo presso la sede originaria significherebbe riconsegnare alla città e ai suoi abitanti una testimonianza vera della propria storia e della propria cultura, al di là dei convincimenti personali e politici di ognuno”.

La statua fu “riesumata” dagli scantinati nel 2010 dopo una mozione del gruppo Psi e un intervento del circolo radicale Ernesto Rossi. La storia del busto di Giordano Bruno è travagliata. “Nel 1910 per ricordare il cinquantenario della liberazione dallo Stato pontificio una delegazione di cittadini narnesi commissionò allo scultore Salvatore Buemi un busto bronzeo del filosofo. L’intento era quello di rendere omaggio ad un uomo divenuto simbolo della libertà di  pensiero per essere stato condannato dall’Inquisizione ad ardere vivo, il 17 febbraio 1600, a causa della difesa delle proprie idee.

La scultura, rivolta verso la cattedrale di Narni, venne posta su un basamento sorretto da due colonne provenienti dai sotterranei dell’ex-convento di San Domenico, all’epoca di Bruno sede narnese del Tribunale dell’Inquisizione. Con l’avvento del ventennio fascista, e in particolare in seguito alla firma dei patti lateranensi, la statua venne abbattuta perché considerata dal regime come un invito alla rivolta contro la tirannia, il dogmatismo e ogni forma arrogante di coercizione. Le colonne e la base furono rimosse, il braccio con la mano e l’indice puntato in segno di monito mozzati e l’opera finì dapprima in un magazzino e successivamente abbandonata all’incuria nel sottoscala dello storico palazzo comunale di Narni.

 

Pin It on Pinterest