Ven, 22 Settembre 2023
Ven, 22 Settembre 2023

Narni, animali senza cibo al canile di Schifanoia: Scoppia il caso

NARNI – Scoppia un nuovo caso al canile di Schifanoia dove si appoggiano i Comuni di Narni e Amelia per custodire circa 250 cani randagi. L’associazione animalista Amici a 4 Zampe ha denunciato la mancanza di cibo per gli animali. Nei giorni scorsi infatti, con un post su faceboook, che ormai è diventato la bacheca pubblica dei comunicati, l’associazione ternana aveva dichiarato la situazione di difficoltà, affermando che “gli operatori del canile si sono trovati senza crocchette per i cani, abbiamo verificato che il magazzino delle crocchette era assolutamente vuoto e i cani erano in evidente stato di agitazione a causa della mancanza di cibo.

Sindaci informati – Sono stati immediatamente informati i sindaci competenti”. Dopo l’allarme, Laura Pernazza, sindaco di Amelia, si è recata sul posto, Francesco De Rebotti, Narni, in accordo con la collega ha provveduto a mandare subito una scorta di cibo. ”Le operatrici del canile, che stanno operando da mesi in stato di evidente difficoltà – incalza però l’associazione – manifestavano tutta la loro preoccupazione anche per i cani in terapia non avendo in magazzino i farmaci necessari. Ieri mattina – prosegue sempre il post riferendosi al 21 gennaio – ci siamo recate di nuovo in canile per verificare che la situazione fosse sotto controllo. In loco abbiamo trovato gli ispettori dell’Asl che stavano accertando la situazione.

cibo dai Comuni – Nessun altro carico di crocchette è arrivato in canile oltre a quello ordinato dal Comune di Narni che sarà sufficiente per alcuni giorni. Quindi se i comuni non si fossero attivati la situazione, sarebbe in poche ore diventata drammatica. Quanto verificatosi è di una gravità assoluta”. Da Narni intanto annunciano che i lavori di completamento del nuovo canile comunale di San Crispino sono quasi in dirittura d’arrivo e che probabilmente a marzo la struttura sarà aperta.

Parla il M5S – Sulla vicenda arrivano anche le prese di posizione dei consiglieri comunali del M5S di Narni e Amelia. “Crediamo che dietro questa vicenda ci siano molti punti interrogativi come vi sono stati sempre all’interno di questo tema – scrivono Luca Tramini, Gianfranco Chieruzzi e Romani Banella – non si comprende come sia possibile non accorgersi che le scorte di cibo si stavano esaurendo e come o perché non si sia corsi prima ai ripari, magari coinvolgendo molto prima anche le amministrazioni di Narni ed Amelia e non arrivando “sull’orlo del baratro”.

“Chi controlla?” – I Comuni stanno controllando la situazione canili? – domandano – soprattutto a che punto siamo con il nuovo canile comunale di Narni e quanti cani accoglierà? Doveva aprire più di un anno fa, siamo agli inizi del 2020 quanto mancherà ancora? Argomenti così importanti, animali lasciati a sé stessi, una situazione che sembra sempre di più abbandonata e dimenticata. Chiederemo immediatamente una visita ispettiva nelle strutture interessate – annunciano i consiglieri pentastellati – anche perché questa è una battaglia che portiamo avanti da anni ed ora di arrivare ad una svolta, sia per il benessere degli animali sia per non sperperare altri denari pubblici.”

 

Web TV

Think Thank

Filo diretto

Ti potrebbe interessare...