Mar, 4 Ottobre 2022
Mar, 4 Ottobre 2022

Narni, la console non arriva: “Ritardi per covid”, ma era una truffa, denunciato dai carabinieri

NARNI – Prendeva la scusa del covid che avrebbe determinato ritardi nelle consegne ma in realtà la merce non arrivava perché il venditore non ce l’aveva. E così, dopo una serrata indagine partita da una denuncia di un acquirente, i carabinieri di Narni centro hanno denunciato per truffa G.M., un 60ennne della provincia di Cagliari, già noto per gli stessi reati.

I fatti risalgono all’acquisto di una console da giochi, da parte di un giovane,P.R., residente nel Lazio ma a Narni per motivi di studio frequentando l’università. Il giovane, di 20 anni, era stato attratto da alcune inserzioni pubblicitarie molto accattivanti che annunciavano la vendita on line di piattaforme per giochi, come Playstation e X-Box, a prezzi molto vantaggiosi.

Ma una volta pagato il costo di 300 euro, il ragazzo di console non ne aveva vista nemmeno l’ombra. Alla richiesta di spiegazioni, il 60enne aveva risposto che c’erano stati dei ritardi a causa dell’emergenza covid. P.R. aveva subodorato la truffa tanto da depositare una denuncia ai carabinieri.

Da lì l’indagine che ha scoperchiato il vaso di pandora architettato dal cagliaritano. In pratica l’uomo costituiva società inesistenti aventi sede in varie regioni del paese a mediante appositi si ti web pubblicizzava la vendita di prodotti informatici, soprattutto console per video giochi.

Web TV

Think Thank

Filo diretto

Ti potrebbe interessare...