Imprese, nuovi fondi dall’Area di crisi complessa

TERNI- “Il 20 agosto verrà prorogato il bando per l’assegnazione in concessione d’uso dei terreni industriali di proprietà della Regione nell’area ex Maratta di Terni ed il primo settembre verrà emanato un nuovo avviso per sostenere i programmi di investimento produttivo nell’Area di crisi complessa di Terni-Narni nell’ambito dell’Azione 3.1.1. del Por-Fesr 2014-2020”: lo rende noto il presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, evidenziando che si tratta di “due opportunità significative che la Regione mette a disposizione di chi vuole investire su questo territorio per promuovere lo sviluppo, l’imprenditorialità e la crescita occupazionale in una area gravemente colpita dalla crisi economica”.

“In particolare – spiega Paparelli – l’avviso legato all’azione 3.1.1. è finalizzato alla realizzazione di nuove unità produttive e o alla riqualificazione di unità produttive esistenti per importi compresi fra i 50 mila e il milione e mezzo di euro. Si tratta – ha aggiunto – di uno strumento importante rivolto alle aree territoriali colpite da crisi diffusa con cui si intende promuovere e sostenere l’attività congiunta di soggetti pubblici e privati per tutelare l’apparato produttivo esistente, assicurare il rilancio delle attività produttive e salvaguardare l’occupazione, con particolare attenzione alle vocazioni produttive che caratterizzano i territori di riferimento. L’avviso dà seguito al bando scaduto a ottobre 2018 che ha visto ammessi alle agevolazioni 59 progetti, con 22 milioni di investimento attivabili, di cui 12,6 riferibili ai parametri di Industria 4.0, per un contributo di circa 6 milioni di euro e con un potenziale incremento occupazionale di 111 unità”.

L’avviso, con procedura a graduatoria, è rivolto alle micro, piccole e medie imprese ubicate nel territorio dei 17 comuni dell’area di crisi complessa di Terni Narni ( Acquasparta, Amelia, Arrone, Avigliano Umbro, Calvi dell’Umbria, Ferentillo, Giove, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montefranco, Narni, Otricoli ,Penna in Teverina, Polino, San Gemini, Stroncone, Terni) e prevede contributi a fondo perduto per investimenti materiali ed immateriali. Le iniziative imprenditoriali devono inoltre comportare un incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Il 20 agosto sarà pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria la proroga per la presentazione delle domande relative all’avviso per la richiesta in concessione d’uso dei 15 lotti industriali di proprietà della Regione nell’area ex Maratta, che sarà consentita fino a fine ottobre. Alla selezione potranno partecipare operatori economici, imprenditori individuali, anche artigiani, e le società anche cooperative, i consorzi, nonché, i raggruppamenti temporanei di concorrenti. La Concessione avrà una durata di 35 anni. L’aggiudicatario, dopo aver stipulato la convenzione, deve realizzare sui terreni industriali ottenuti in concessione gli interventi funzionali allo svolgimento dell’attività che intende implementare tenuto conto di quanto previsto nei settori ammessi dalle norme urbanistiche, dalle eventuali prescrizioni e dalle norme tecniche di attuazione vigenti del Comune di Terni.

Pin It on Pinterest