Terni, arresti in Comune: Procura e finanza spiegano i motivi

TERNI – Assegnazione illecita di consulenze. La guardia di finanza ha tenuto uno conferenza stampa insieme al procuratore capo nella quale ha spuegato tutti i risvolti dell’operazione che ha portato agli arresti domiciliari l’assessore al bilancio ed altre due persone.

Ecco il documento diffuso da procura e gdf:
Su segnalazione del Nucleo Polizia Tributaria della locale Guardia di Finanza, poi affiancata nell’attività info investigativa dalla Squadra Mobile della Questura di Terni, la procura della Repubblica presso il tribunale di Terni ha esaminato una serie di incarichi di collaborazione esterna conferiti, in parte dal Comune di Terni, in parte, da società pubbliche (C.d. in house), partecipate al 100% dal medesimo Ente locale, in favore di un noto commercialista riminese.
L’interesse investigativo, allo stato, ha interessato: 1) il Comune di Terni; 2)
[‘Azienda Speciale Farmacie Municipali ( poi trasformata in “Farmacie Terni ); 3) la I’Terni Reti S.r.l.
L’ sito de l’ ccertam ti investi ativi, II dro norm ivo
Il quadro che è emerso ha consentito di fare luce sulla illecita gestione della cosa pubblica, negli anni a cavallo tra il 2012 ed il primo semestre del 2017, che, in luogo di operare nel rispetto delle regole comunitarie e nazionali della libera concorrenza finalizzata alla scelta del miglior contraente, è stata improntata all’alterazione delle regole di mercato secondo un sistema illegale finalizzato a favorire il medesimo soggetto privato, in taluni casi quale libero professionista, C.d. esperto indipendente, in altri quale socio di una società privata di consulenza (la M.G. Consulting S.r.l.), nel tentativo di eluderne i contenuti e procedere illegittimamente ad affidamenti di incarichi in via diretta, senza la predisposizione di una gara o di una procedura comparativa delle offerte.
Relativamente agli incarichi di collaborazione esterna, l’attuale disciplina di riferimento è contenuta nell’art. 7 del D.Lgs. 165/2001 che al comma 6-bis stabilisce inderogabilmente che “le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri Ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione”
In altri termini, a prescindere dall’importo del corrispettivo, tutte le pubbliche amministrazioni, ivi comprese quelle comunali, possono affidare incarichi di collaborazione esterna soltanto in presenza di talune tassative condizioni (art. 7, co. 5-bis del D.Lgs. 165/2001), e a seguito di apposita procedura comparativa destinata alla selezione del miglior contraente (art, 7, co. 6-ter del D.Lgs. 165/2001).
Non è dunque, possibile, per l’amministrazione comunale, conferire un incarico di collaborazione esterna, in via diretta e senza procedura comparativa, a persone individuate sulla base di mere conoscenze personali, a prescindere dalle asserite qualifiche professionali possedute.
Ma vi è di più. Con specifico riguardo agli enti locali comunali, l’art. 110 co. 6 del D.Lgs. 267/2000 (T.U.E,L.) stabilisce che l’amministrazione comunale, ove intenda avvalersi di un contributo esterno di alta professionalità, deve precedentemente dotarsi di apposito “regolamento” che disciplini in via astratta e generale le modalità di conferimento degli incarichi. E nel determinare tali modalità, l’art. 7, co. 6-ter del D.Lgs. 165/2001 prescrive espressamente all’ente pubblico di adeguarsi ai principi contenuti i l comma 6 dell’articolo richiamato.
E’ bene rilevare sin da ora che tutte le prestazioni affidate in via diretta al commercialista CAMPORESI (o alle varie società che fanno capo al medesimo), rientrano nella categoria delle “collaborazioni esterne”, trattandosi di contratti d’opera intellettuale caratterizzati da un lavoro prevalentemente proprio dj un professionista. Ma quel che più conta quì in oqni caso l’amministrazione comunale (o la sua società partecipata) avrebbe dovuto procedere all’aggiudicazione soltanto a seguito di una procedura comparativa per la selezione del miglior contraente; al contrario, nei casi oggetto del presente procedimento vi è stato un illegittimo conferimento dell’incarico su base diretta e personale, peraltro anticipato da palesi collusioni tra il candidato e l’organo pubblico.
Dal ‘an ‘si delle e-mai e dei document’ se uestrati CAMPORE resso il
suo_studio di Rimini e della _documentazjone acquisjta_presso le sedi istit •onali ter ane è e ersa infat i una fitta orris ondenz interc rs tra ‘l c erci ista ed Icuni es onenti de ‘amministr zione com n le tes
all’otte imento i diversi i carichi collabor zi ne estern d arte el
Com e di Te i della A ienda S e iale Far a ie Munici ali oi trasf r ata Irv “FarmaciaTernlser:l,”) e della socieà jmhouse “TernLReti utto ciò

razie voritis ersonali ad es e i nti fraudole i reiterati adattati
seconda delle Occasioni di auadaqno.
Più in generale, l’attività investigativa ha disvelato una vera e propria ‘esternalizzazione” illecita di un settore importante dell’amministrazione comunale ternana, di fatto affidata al CAMPORESI in assenza di qualsivoglia procedura selettiva ad evidenza pubblica: dal 2012 sino ai giorni odierni, il predetto commercialista, anche avvalendosi dell’opera di professionisti e collaboratori presso il suo studio riminese, p.r.e-dlspongy.a—jl contenutoffatti istituzionali, di dellbere comunali e di determine dirtqenziali al posto deL—pubblic-LdlpendentWdel Comune di Terni; quindi, le bozze da lui preparate venivano trasmesse ad alcuni esponenti comunali, che le veicolavano presso le sedi istituzionali, facendone recepire il contenuto all’interno degli atti ufficiali. In cambio della sua opera professionale ed intellettuale, il CAMPORESI richiedeva ed otteneva incarichi di collaborazione esterna per corrispettivi in denaro da lui graditi e negoziati, nutrendo altresì aspettative in ordine all’aggiudicazione di ulteriori gare ed incarichi di suo interesse.
Le singole posizioni e condotte penalmente rilevanti
La vicenda delittuosa vede coinvolti, oltre al commercialista CAMPORESI Roberto, all’assessore comunale PIACENTI D’UBALDI Vittorio e all’amministratore unico di Terni Reti S.r.l. MONTALBANO CARACCI Vincenzo, anche altre figure dell’amministrazione comunale e della FarmacieTerni S.r.l.
Nël quadro dell’intera vicenda, CAMPORESI appare come dominus esterno della direzione amministrativa addetta alla gestione delle società partecipate pubbliche del Comune di Terni che, di concerto con l’Assessore al ramo PIACENTI D’UBALDI, già da anni, prestava la propria attività professionale in favore del Comune di Terni quale esperto che avrebbe predisposto gli atti per la trasformazione da AsFM a società privata.
All’esito delle attività investigative è emerso che Io stesso intratteneva rapporti costanti e confidenzialj con esponenti dell’amministrazione comunale (tra i quali dirigenti comunali, il vice sindaco Libero PACI, e l’attuale Assessore al Comune di Terni Vittorio PIACENTI D’UBALDI) che gli consentivano, in buona sostanza, di ttenere incarichi enz al una ar e alle c ndizio i onomich da Aut stabilite. L’affidamento di tali incarichi in modo diretto e senza alcuna procedura selettiva o comparativa preliminare avveniva proprio grazie alla stretta collusione tra il CAMPORESI e vari esponenti dell’amministrazione comunale, ai quali il primo – senza manifestare alcun timore ed anzi mostrando uno spiccato senso di impunità – su e iva finanche li scamo e e i mezzi fraudolenti_per ev•tare _ln_gara e_procedere suo
fav re tra uali: ‘illecit razio mento Il’im o o la su divisione della
li idazio e n f vore di s etti ‘versi I ri artizi e de li neri di esa tra Comurwe società controllate.
Una prima serie di condotte criminose hanno riguardato incarichi di collaborazione esterna affidati al CAMPORESI dal Comune di Terni per la privatizzazione della “Azienda Speciale Farmacie Municipali” poi “Farmacia Terni s.r.l.”. Trattasi di attività intrapresa dall’amministrazione comunale al fine di procedere alla successiva vendita delle quote societarie e di ripianare, in questo modo, una quota rilevante dei debiti del bilancio, evitando il paventato dissesto del Comune ternano.
Una seconda serie di condotte – del tutto analoghe alle prime nel contenuto delittuoso – coinvolgono invece la “FarmaciaTerni s.r.l.” e la “Terni Reti s.r.l.”, entrambe società in house a totale partecipazione pubblica et dunque, enti pubblici a tutti gli effetti. In questo diverso panorama, pur cambiando lo scenario, permangono gli stessi “attori”: anche in tale contesto, infatti, è sempre il commercialista CAMPORESI, grazie all’opera di
“intermediazione illecita ” dell’Assessore comunale Vittorio PIACENTI D’UBALDI, ad ottenere una serie di incarichi senza gara dai vertici delle società partecipate. Il panorama delittuoso che emerge è preoccupante: dal 2012 al 2017 (alcune liquidazioni – ad oggi – non si sono ancora perfezionate), il commercialista CAMPORESI ha illecitamente ottenuto incarichi dall’amministrazione comunale, senza gara alcuna, approfittando delle “amicizie” coltivate negli ambienti del Comune e mettendo a frutto i crediti maturati presso esponenti politici compiacenti.
Il risultato previsto e concordato delle irregolarità era l’aggiudicazione degli incarichi al medesimo professionista che, almeno dal 2012 e sino ai giorni nostri, è il vero ufficio tecnico comunale delle società partecipate pubbliche del Comune di Terni.
II meccanismo fraudolento descritto si è sviluppato attraverso accordi preventivi tra il commercialista ed i vertici politici e tecnici del Comune di Terni, documentati da un fitto scambio di mail ed sms, volti alla preventiva predisposizione degli atti comunali da parte del suddetto consulente esterno, poi formalmente veicolati, dalla sapienti mani dei tecnici comunali, nelle delibere, dapprima della Giunta e poi del Consiglio Comunale, finalizzate all’ approvazione dei progetti di trasformazione dell’azienda speciale Farmacie Terni, cosi tradendo il mandato ricevuto dal consesso comunale di preparare gli atti di gara/ selezione pubblica finalizzata alla scelta del miglior consulente esterno, in spregio ai principi di trasparenza, buona organizzazione scolpiti all’articolo 97 della Costituzione.
In totale l’inchiesta ha riguardato sei episodi di illecita scelta del consulente esterno, accertati in un arco di tempo compreso tra gli anni 2012 ed il 2017 e con un impegno di spesa stimato oltre 150 mila euro.

Pin It on Pinterest