Terni, scappano alla vista dei carabinieri: Nell’auto rubata anche una scacciacani

TERNI – C’era una scacciacani all’interno dell’auto rubata ritrovata dai carabinieri che però non sono riusciti a fermare gli occupanti scappati repentinamente dalla macchina prima dell’arrivo dei militari. Secondi l’Arma chi era a bordo era pronto a colpire mettendo a segno reati contro il patrimonio, probabilmente dei furti in appartamento.

Nel corso di un normale servizio di perlustrazione in una delle vie che costituiscono la prima periferia cittadina, rende noto un comunicato, l’equipaggio di una gazzella si è imbattuto in un SUV con a bordo tre uomini. La presenza degli stessi a notte fonda ed in circostanze anomale ha indotto i militari a procedere ad un più approfondito controllo verificando al terminale la targa del veicolo. Non appena il responso della banca dati ha fatto rilevare che il veicolo era oggetto di furto a Terni il 15.11.2018, i militari si sono posti immediatamente a ridosso dello stesso, impedendogli la fuga. A quel punto i passeggeri seduti sui sedili anteriori hanno cercato di nascondere il volto riparandosi dietro al parasole e sotto al cruscotto, atteggiamento che toglieva ogni dubbio sulle reali intenzioni dei tre. Pertanto, speronando un’altra autovettura, i malviventi hanno cercato di aprirsi una via di fuga ma, ancora una volta, la pronta reazione dei militari non gli consentiva la riuscita dell’azzardata manovra. Prima che l’equipaggio potesse procedere a bloccarli fisicamente, però, gli occupanti riuscivano a scendere dal veicolo e a darsi a repentina fuga, dileguandosi nell’oscurità.

La successiva perquisizione del veicolo portava al ritrovamento di una pistola scacciacani che, grazie all’escamotage della rimozione dell’apposita segnatura di colore rosso, avrebbe consentito di farla passare come una reale arma da fuoco e quindi di utilizzarla come minaccia per le vittime dei colpi che volevano sicuramente perpetrare.

Due cittadini tunisini sono stati invece denunciati per detenzione e cessione di sostanza stupefacente. I militari di un’altra gazzella, dopo aver assistito alla vendita di una dose di cocaina, hanno dapprima fermato il consumatore, un italiano, e successivamente, seguito sino alla sua abitazione lo spacciatore, un tunisino 25enne, trovando e sequestravano a casa, dove era presente anche un suo connazionale 21enne, altre 4 dosi della stessa droga, tutti gli strumenti per il confezionamento e taglio della sostanza e quasi 1.500 € in contanti.

In esito a diversi successivi controlli, i militari dell’Arma hanno anche denunciato un cittadino italiano, originario del reggino ma residente a Rieti e gravato da numerosi precedenti per furto e truffa, per l’inottemperanza alla misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio da questo capoluogo emesso nei suoi confronti nel giugno del 2016. L’uomo, che è stato sorpreso mentre si aggirava in maniera sospetta lungo via Curio Dentato e sicuramente si apprestava a commettere qualche reato, è stato nuovamente invitato a lasciare il territorio comunale.

Pin It on Pinterest