Narni, bilancio, l’opposizione boccia tutto: ‘Maggioranza in frantumi”

NARNI – La minoranza boccia il bilancio di previsione e parla di maggioranza in frantumi. Ecco il comunicato di FI Fdi e Lega:
‘La maggioranza va in frantumi.
Bilancio di previsione  niente di nuovo sotto sole,la solita esposizione dell assessora, e stavolta anche del sindaco e dei vari assessori, ovvio a loro dire,  nessuna criticità tutto bene madama la marchesa. In realtà viene presentato un documento molto tecnico e con poca  se non assente verve e pianificazione

Un comune strutturato con numerose figure dirigenziali e direttive con una macchina organizzativa che per funzionare assorbe solo per la sua gestione più di 1/3 del intera spesa comunale.

Un piano delle opere pubbliche sempre piu libro dei sogni,ove ogni anno vengono elencati interventi strutturali importanti che non vedono mai da decenni la realizzazione.

L assenza totale di una politica di riduzione fiscale ove livello di tassazione nonaumenta,perche non potrebbe essendo gia al massimo delle aliquote.

Un bilancio che non prevede interventi destinati al tema della disabilità nonostante che da mesi , su nostra sollecitazione, si lavora in commissione per raggiungere la più ampia condivisione su un progetto per una città finalmente “aperta ed accessibile”. Ma come sempre succede quando non c’è ancora la convinzione di trasformare le parole in fatti non si è pensato di accantonare un euro per questa iniziativa.

La cosa che più ci ha colpito è che il tema della disabilità non è stato inserito nell’elenco dei progetti destinati al finanziamento con il Recovery Fund nonostante che il bando preveda contributi per “ Inclusione e Coesione “. Come sempre si pensa , o meglio si spera di realizzare progetti così importanti con l’aiuto delle istituzioni superiori , una manna europea o governativa, ma purtroppo chi vive sperando molto spesso non va lontano 

Insomma un bilancio di fine consiliatura  del sindaco De Rebotti che lascia molte incompiute di quella che era la programmazione di mandato ormai decennale della sua giunta che porta a compimento solo alcune opere vedi le scuole,grazie a sostanziosi finanziamenti regionali e statali di oltre 1 milione di euro.

Un documento che guarda soprattutto al contingente ed alla gestione “quotidiana “senza una visone strategica se non pensata  solo ora ,tardivamente, con invio alla regione dei progetti del “recoveri plan,una lista della spesa delle incompiute di 30 anni di amministrazioni di sinistra.

Eppure il  solito cliché della maggioranza che vota ad alzata di mano tutto ed il contrario di tutto questa volta è rischiato di naufragare e la maggioranza si è spaccata.

Una forte critica al documento di programmazione  sulla ipotizzata costruzione del forno crematorio al cimitero di Narni scalo ha determinato la crepa nella coalizione facendo venir meno il voto del consigliere Latini,al quale poi si è unito sulla delibera del canone unico anche quello del consigliere socialista Ricci.

A questo punto non c erano piu i numeri per una approvazione della delibera del canone unico e del bilancio  ed il consiglio su un atto così importante è venuto meno del numero legale.

Intervenuta la sospensione per mezz’ora della seduta ,è solo grazie al recupero in estremix del soccorso socialista del consigliere novelli viene approvata la delibera sui canoni unici propedeutica a quella dell approvazione dell intero bilancio”.

Pin It on Pinterest