Narni, il turismo passa per le stelle del Grand Tour

NARNI – 20 novembre – “Dal ponte d’Augusto di Corot, esposto al Louvre, agli altri capolavori dei grandi plenaristi che visitarono Narni, stiamo lavorando per sviluppare un settore turistico e culturale di grande fascino e dal marcato potenziale attrattivo e suggestivo”. Lo dichiara l’assessore a turismo e cultura, Lorenzo Lucarelli, facendo riferimento ai protagonisti del Gran Tour che visitarono Narni, la vallata del Nera fino a Terni e la Cascata delle Marmore.

“Su questo segmento – afferma Lucarelli – puntiamo molto, in collaborazione con Terni, per restituire al visitatore di oggi le sensazioni e le atmosfere di ieri, quelle che poterono apprezzare i grandi pittori e i grandi scrittori che attraversarono la nostra terra. Se scelsero di immortalarla in dipinti e scritti, è segno evidente che il fascino della valle del Nera, della sua natura e dei suoi monumenti era qualcosa di straordinario. Per questo – spiega l’assessore – ciò che vogliamo fare oggi è partire da queste testimonianze e allargare le possibilità e l’offerta a disposizione del turista, per aumentare arrivi e presenze sul territorio anche con un turismo esperienziale che non si ferma alla pura visita ma scava nelle radici e nella storia dei nostri luoghi”.

L’assessore Lucarelli ricorda poi che nei giorni scorsi alla Cascata delle Marmore è stato presentato il primo stralcio del progetto pensato per valorizzare i luoghi dei plenaristi e che è a disposizione anche un finanziamento della Fondazione Carit nell’ambito del Bando 4/2018 “Valorizzazione di siti culturali e turistici”. “Su Narni – conclude – abbiamo individuato alcuni punti chiave che sono il centro storico, Le Gole del Nera, San Cassiano e il Ponte d’Augusto”.

Pin It on Pinterest