Narni, la sfida di De Rebotti: “All’ex Carit il palazzo dei servizi”

NARNI – Il sindaco Francesco De Rebotti lancia l’idea del palazzo dei servizi da realizzare alla ex Carit dopo la chiusura di Banca Intesa e la cancellazione di ogni servizio bancario e finanziario da uno dei centri storici più antichi e conosciuti dell’Umbrus. La sfida di De Rebotti è anche alla stessa Banca Intesa perché nella proposta c’era anche un servizio bancario.”In attesa che si concretizzi l’obiettivo di tornare ad avere uno sportello bancario nel centro storico, obiettivo sul quale si sta lavorando e che riscontra interesse nel mercato avanzo un’ipotesi di lavoro che sottopongo in primis a Banca Intesa san Paolo, proprietaria della sede inutilizzata della Cassa di Risparmio di Terni e Narni.L’edificio e lo spazio nel pieno del centro storico di Narni ha le potenzialità per essere utilizzato in maniera che, cessato l’utilizzo storico, rappresenti un valore aggiunto per la nostra città.Dopo l’inopinata chiusura dello storico sportello bancario serve un segno di riconoscimento alla città, un’azione risarcitoria che sottragga quel bene all’incuria e all’abbandono.Per questo motivo chiede ufficialmente a banca Intesa San Paolo di mettere a disposizione della comunità l’edificio per realizzare ciò che, una volta conosciute le intenzioni di chiusura dello sportello bancario, avevo già proposto ai suoi rappresentanti.La mia idea è l’allocazione di diversi servizi al cittadino in quell’unico luogo che ha tutte le caratteristiche per essere efficiente e a portata di mano.Da qui l’idea di concertare e realizzare la compresenza di Poste Italiane, INPS, servizi comunali front office e quello che doveva rimanere lo sportello, seppur ridotto, bancario.Su questo obiettivo, intatto e a maggior ragione diventato di interesse della comunità, chiedo un impegno al proprietario dell’immobile.Un immobile che tra l’altro ospita i resti dell’antico Foro Romano, sicuramente di interesse culturale e turistico se reso fruibile anche in maniera immediata.Le ipotesi di utilizzo sono quindi evidenti così come l’interesse pubblico che può rivestire un progetto di sviluppo originale del bene e per questo motivo aggiungo un’ipotesi di valorizzazione che passa attraverso un’acquisizione definitiva della sede storica della banca.Per questo, constatato il positivo protagonismo della Fondazione Carit in merito alla valorizzazione del patrimonio nel territorio di riferimento (cito la fontana di P.zza Tacito di Terni o il nuovo palazzetto dello sport), intendo sottoporre alla stessa un’ipotesi di acquisizione in collaborazione con il Comune di Narni”.

Pin It on Pinterest