Narni, morti sospette al canile, indagine Usl: i Cinquestelle incalzano il Comune

NARNI – È allarme al canile Dog Paradise di Schifanoia dove si sono registrati 24 recenti decessi che fanno sospettare all’Usl l’ipotesi di un’epidemia. La stessa Usl, tramite il aervizio veterinario, ha effettuato un’ispezione registrando diverse anomalie. Sul caso interviene il gruppo consiliare del M5S che chiede all’assessore Silvia Tiberti che “riferisca quanto prima nei modi che ritiene più opportuni circa i fatti inquietanti che abbiamo appreso da recenti articoli di stampa che riguarderebbero il canile rifugio di Schifanoia, già convenzionato con il Comune di Narni nonché unico canile sanitario di riferimento all’interno della Usl Umbria2”. “Le recenti cronache, infatti – scrivono i Cinquestelle- parlano di morti verificatesi in numero anomalo, con l’ipotesi di un’epidemia che rischierebbe di infettare l’intera colonia, tanto che dal 4 febbraio la stessa Usl Umbria 2 ha notificato a vari comuni la sospensione di nuovi ricoveri al canile sanitario gestito dalla Dog Paradise. Da un recente accesso agli atti presso l’Usl 2, effettuato dal M5S – continua il gruppo consiliare- è stato possibile rilevare come nel primo semestre del 2018 le morti di animali all’interno del canile sanitario siano state solo 6, mentre nel secondo semestre sono lievitate a 24, per cause ignote alla stessa Usl che per effetto della variata normativa non sarebbe in possesso dei referti dei cani deceduti a partire dal 1 luglio 2018. Non è la prima volta che il canile sanitario di Schifanoia balza agli onori delle cronache per riscontrate criticità e, nell’ultimo anno, in almeno due occasioni sono stati sospesi i ricoveri con grave disagio dei comuni convenzionati”. Il M5S chiede “a che punto sia e quanto ancora dovremmo aspettare per vedere aperto il canile comunale oramai finito anni orsono, che grazie alla gestione diretta, come detto dallo stesso assessore, oltre a generare notevoli risparmi in termini economici e di gestione, garantirebbe anche un miglior controllo sulle condizioni e sul benessere degli animali”.

Pin It on Pinterest